x

x

Vai al contenuto

“Piazzapulita”, rissa fuori controllo tra Telese e Dragoni

“Piazzapulita”, rissa fuori controllo tra Telese e Dragoni

Piazzapulita è u programma basato sull’approfondimento delle maggiorni notizie dall’Italia e non solo con la partecipazione di ospiti in studio e in collegamento. Grazie a loro, si assiste a confronti, inchieste su fatti di casa nostra e internazionali e si fa il punto sulla politica di oggi. La puntata di ieri sera 7 Marzo 2024 è stata decisamente intensa per il padrone di ca Corrado Formigli, il quale prima ha dovuto abbassare i microfoni a Giorgio Mulè e Paolo Romano, che si scambiano reciprocamente insulti, poi ha dovuto ripetere lo stesso gesto con i giornalisti Luca Telese e Fabio Dragoni. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: “Grande Fratello”, Federico attacca Perla e scoppia una lite furiosa: intervengono gli altri concorrenti

Leggi anche: “Grande Fratello”, lite tra Perla e un coinquilino: cos’è successo

Leggi anche: Chiara Ferragni clown in copertina, la reazione di Selvaggia Lucarelli

Leggi anche: Benzema, lite con Espirito Santo: tecnico esonerato

“Piazzapulita”, rissa fuori controllo tra Telese e Dragoni

Serata decisamente complicata per Corrado Formigli, conduttore di Piazzapulita, talk di approfondimento politico di La7. Prima ha dovuto abbassare i microfoni a Giorgio Mulè e Paolo Romano e poi ha dovuto fare la stessa cosa con i giornalisti Luca Telese e Fabio Dragoni. Il motivo del contendere di questi ultimi due è il diritto all’aborto, tema d’attualità visto che, il 4 Marzo scorso, la Francia è diventata il primo Paese al mondo a inserire l’interruzione volontaria di gravidanza nella sua costituzione. Il giornalista de La Verità ha chiarito: “Si sente erroneamente parlare di diritto all’aborto, sto per dire…”, lo ha interrotto subito Telese che ha gridato in collegamento: “… delle str****e!”. Dragoni ha aggiunto: “Sì, va bene, delle str****e, ma fammele dire. Non esiste un diritto all’aborto, la legge 194 disciplina l’aborto, prima di questa era un reato, perché si sopprimeva un essere vivente, nella pancia della donna. La legge 194, vivaddio, disciplina questa pratica, ma il fatto che la disciplini non significa che sia un diritto. Ci dev’essere un medico consenziente e spesso e volentieri ci sono medici sia consenzienti sia quelli che non lo sono”.

“Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva”