Vai al contenuto

Furlani indica la via del Milan: marketing, stadio e USA

Furlani indica la via del Milan: marketing, stadio e USA

Giorgio Furlani in una lunga intervista ha chiarito in punti salienti del progetto del Milan. Piena sintonia con Cardinale e occhi puntati su come ampliare il mercato, soprattutto facendo marketing in altre parti del mondo, come negli USA. Obiettivo anche costruire un nuovo stadio.

Leggi anche: Il Milan scopre Romero e Pioli già studia dove collocarlo

Leggi anche: Milan, Rebic apre le danze dello sfoltimento esuberi: la situazione

Un nuovo stadio per il Milan

Furlani è stato chiaro in merito, il Milan avrà uno stadio separato da quello dell’Inter. Per fare cassa dalla vendita dei biglietti e dalla pubblicità bisogna costruire un impianto da soli. Il caso di San Siro è praticamente un caso quasi unico nel panorama europeo, soprattutto per club di questa caratura. “Abbiamo vari progetti di miglioramento e il principale è quello del nuovo stadio. Si è parlato per molti anni del nuovo stadio del Milan, ma io spero che un giorno sia pronto e spero di tornare qui a presto per dirvi che abbiamo lo stadio nuovo del Milan” ha dichiarato il CEO rossonero a ESPN. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Formazione Milan contro il Real Madrid
L’undici scelto da Stefano Pioli per la sfida amichevole tra Milan e Real Madrid in scena a Pasadena (Getty Images)

Marketing made in USA

Poi il focus è passato sul marketing che il club sta portando avanti ormai da un paio di anni negli Stati Uniti. Un modello che RedBird ha sviluppato facendo tesoro delle esperienze pregresse di Gerry Cardinale. L’acquisto di Pulisic e di Musah, due giocatori statunitensi, non farà altro che accentuare questa tendenza, come dimostrato del resto nel prestagione in terra americana. Furlani ha indicato come redditizi sia il mercato a stelle e strisce sia gli investimenti dall’Arabia Saudita: “Ci sono fondi che investono nello sport e questo non può essere una cosa negativa per noi, perché investire nell’industria aiuta l’industria dello sport a crescere”.

Leggi anche: Lukaku contro l’Inter: “Bugie perché l’odio non funziona più”

Argomenti