x

x

Vai al contenuto

Tutti i record di Pedri

Pedri contro Andorra

Pedro González López, meglio conosciuto come Pedri, è emerso come uno dei talenti più brillanti del calcio mondiale. Nato il 25 novembre 2002 a Tegueste, nelle Isole Canarie, Pedri ha catturato l’attenzione degli appassionati di calcio e degli esperti grazie alle sue eccezionali prestazioni con il Barcellona e la nazionale spagnola. In questo articolo, faremo un focus sulla carriera di Pedri, il suo stile di gioco, i suoi successi e il suo impatto sul calcio moderno, in attesa di vederlo giocare ad Euro 2024.

La scommessa del Barcellona

Pedri inizia a giocare a calcio in giovane età, mostrando subito un talento naturale. A soli 16 anni, fa il suo debutto professionistico con il Las Palmas nella Segunda División spagnola durante la stagione 2019-2020. La sua visione di gioco, la sua capacità di dribbling e la sua intelligenza tattica lo rendono immediatamente un elemento fondamentale per la squadra. In una stagione con Las Palmas, Pedri disputa 36 partite, segnando 4 gol e attirando l’attenzione dei grandi club europei. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Pedri in una partita di Liga
(Photo by Eric Alonso/Getty Images)

Nel settembre 2019, il Barcellona annuncia l’acquisto di Pedri per una cifra di circa 5 milioni di euro, un investimento che si sarebbe rivelato estremamente vantaggioso. Il giovane talento si unisce ufficialmente al club catalano nell’estate del 2020. Pedri fa il suo debutto con il Barcellona il 27 settembre 2020 in una partita di Liga contro il Villarreal, entrando come sostituto e mostrando subito il suo potenziale.

La stagione 2020-2021 è stata quella della consacrazione per Pedri. Sotto la guida dell’allenatore Ronald Koeman, Pedri diventa rapidamente un titolare fisso nel centrocampo del Barcellona, nonostante la sua giovane età. In quella stagione, disputa 52 partite in tutte le competizioni, segnando 4 gol e fornendo 6 assist. La sua abilità nel controllare il pallone, la sua visione di gioco e la sua capacità di creare occasioni da gol sono fondamentali per il Barcellona, che vince la Copa del Rey.

Quanti gol ha fatto Pedri in carriera?

Pedri González ha già stabilito numerosi record e ottenuto riconoscimenti significativi nonostante la sua giovane età. Il suo talento, la sua dedizione e la sua maturità lo hanno reso un giocatore imprescindibile per il Barcellona e la nazionale spagnola. Mentre continua a crescere e a svilupparsi come calciatore, è probabile che Pedri stabilisca molti altri record.

Durante la stagione 2020-2021, Pedri è diventato il giocatore più giovane nella storia del Barcellona a raggiungere 50 presenze in una singola stagione a soli 18 anni e 164 giorni. (CONTINUA DOPO IL VIDEO)

Nella stagione 2020-2021, Pedri ha giocato un totale di 73 partite tra club e nazionale, un numero straordinario che testimonia la sua incredibile resistenza e importanza per entrambe le squadre. Questo include le partite con il Barcellona, l’Euro 2020 e le Olimpiadi di Tokyo.

Nel 2021 ha vinto il prestigioso premio Golden Boy, assegnato al miglior giocatore under 21 in Europa. Questo premio è un riconoscimento al talento, alla determinazione e all’impatto significativo che ha avuto sia con il Barcellona che con la nazionale spagnola. Ma oltre al Golden Boy, Pedri ha vinto anche il Premio Kopa nel 2021, assegnato al miglior giocatore under 21 nel mondo secondo la rivista France Football. Questo premio è votato da ex vincitori del Pallone d’Oro, dimostrando l’alta considerazione di cui gode Pedri tra le leggende del calcio.

Complessivamente in 143 presenze con la maglia blaugrana Pedri ha segnato 20 reti e fornito 13 assist. In bacheca c’è una Liga spagnola, una Supercoppa spagnola e una Coppa del Re. Il contratto scade il 30 giugno del 2026.

Leggi anche: Tutto su Rodri, il centrocampista della Spagna

Quanto vale Pedri?

Nonostante la pressione e le aspettative, Pedri ha dimostrato una maturità impressionante, mantenendo costantemente alte prestazioni e contribuendo in modo significativo ai successi della sua squadra. Il suo contratto con il Barcellona è stato esteso fino al 2026, con una clausola rescissoria di un miliardo di euro, dimostrando quanto il club catalano creda nel suo talento e nel suo potenziale a lungo termine. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Pedri esce dagli spogliatoi
Pedri is playing during the match between FC Barcelona and Rayo Vallecano, corresponding to week 37 of LaLiga EA Sports, at the Olympic Stadium Lluis Companys, in Barcelona, Spain, on May 19, 2024. (Photo by Joan Valls/Urbanandsport/NurPhoto via Getty Images)

Il reale valore di mercato si aggira invece attorno ai 70 milioni di euro. Difficilmente però il Barcellona lascerà partire un elemento fondamentale così giovane. Proprio la clausola rescissoria di un miliardo è stata inserita per scoraggiare gli altri top club europei, Real Madrid compreso.

Pedri è spesso paragonato a leggende del Barcellona come Andrés Iniesta e Xavi Hernández per il suo stile di gioco elegante e intelligente. È un centrocampista versatile, capace di giocare sia come mezzala che come trequartista. Pedri ha una straordinaria capacità di leggere il gioco e anticipare le mosse degli avversari, permettendogli di effettuare passaggi decisivi e creare occasioni da gol. La sua abilità nel dribbling gli consente di superare facilmente gli avversari, mantenendo il controllo del pallone anche in situazioni difficili.

Cosa ha vinto Pedri con la Nazionale?

Oltre ai suoi successi con il Barcellona, Pedri ha avuto un impatto significativo anche a livello internazionale. Nel 2021, fa parte della squadra spagnola che ragge le semifinali dell’Euro 2020. Le sue prestazioni sono così impressionanti da essere nominato nella squadra del torneo e ricevere il premio di Giovane giocatore del torneo. (CONTINUA DOPO IL VIDEO)

Nello stesso anno, Pedri partecipa anche alle Olimpiadi di Tokyo con la Spagna, contribuendo a portare la squadra alla finale e conquistando una medaglia d’argento. Gli Europei in Germania sono l’occasione giusta per affermarsi anche con la Roja nella massima competizione continentale per selezioni nazionali.

Leggi anche: Jamal Musiala, il Bambi della Nazionale tedesca

Leggi anche: 4 cose che ancora non sai di Federico Chiesa