Vai al contenuto

Una morte orribile: spende 300€ per il bungee jumping, poi il dramma

Una morte orribile: spende 300€ per il bungee jumping, poi il dramma

Sulla costa meridionale della Cina, un turista giapponese di 56 anni ha deciso di spendere trecento euro per provare l’ebrezza di lanciarsi dalla torre di Macao facendo bungee jumping. Peccato che quell’ebbrezza gli sia costata caro. È morto poco dopo il lancio. (Continua…)

Leggi anche: Per i medici era una banale influenza: 24enne finisce in coma

Leggi anche: Sposa ha un dolore lancinante durante il matrimonio, poi la scoperta: cosa c’era nel vestito

bungee jumping 683x1024

Muore facendo bungee jumping

Il bungee jumping è un’attività sportiva che consiste nel lanciarsi da un luogo elevato, da un ponte, da una torre o addirittura da una montagna, dopo essere stati imbracati con una corda elastica. Un’estremità della corda è fissata al corpo della persona che si lancia e l’altra al punto da cui avviene il lancio. Un turista giapponese di 56 anni ha provato a fare bungee jumping lanciandosi dalla torre di Macao, sulla costa meridionale della Cina. Ha speso anche trecento euro per provare questa ebrezza, ma gli è andata male. È morto poco dopo. (Continua…)

Leggi anche: Inferno in autostrada, tragico scontro tra furgone e Tir

Leggi anche: Italia, bimbo di 4 anni cade in un pozzo: cos’è successo

salto nel vuoto 683x1024

Come sarebbe morto

Il turista giapponese di 56 anni sarebbe morto domenica scorso in seguito ad un malore dopo il lancio dalla torre di Macao. Il punto da cui si è lanciato l’uomo è il più alto dove fare un’esperienza del genere, oltre 230 metri. Pare che il turista si sia sentito male subito dopo essersi lanciato dalla torre e sarebbe morto poco dopo in ospedale. Il malore accusato dall’uomo sarebbe sopraggiunto dopo il salto, quando il turista avrebbe iniziato ad avere il fiato corto. (Continua…)

jumping 683x1024

In corso le indagini

Le autorità locali dicono si sia trattato di un malore improvviso sopraggiunto dopo il salto dalla torre, ma sono ancora in corso le indagini. L’obiettivo degli inquirenti, infatti, è capire cosa sia successo di preciso. La ditta di bungee jumping che ha autorizzato il salto del turista giapponese ha assicurato che prima di permettere alle persone di saltare dalla torre chiede loro di esplicitare eventuali condizioni mediche o malattie cardiache. A quanto pare, però, questa volta sarebbe andato qualcosa per il verso sbagliato.