x

x

Vai al contenuto

Francesca Bergesio, il drammatico annuncio dopo la vittoria a “Miss Italia”

Francesca Bergesio, il drammatico annuncio dopo la vittoria a “Miss Italia”

Miss Italia 2023 si è svolta dall’8 all’11 novembre 2023. Dopo dodici edizioni, le finali sono tornate a svolgersi a Salsomaggiore Terme, sede storica del concorso. La serata finale dell’11 novembre 2023 è stata condotta da Jo Squillo e, per il quarto anno consecutivo, non è stata trasmessa in televisione ma solamente in streaming, questa volta sul sito internet ufficiale del concorso. L’edizione del 2023 ha visto la corona posta sul capo di Francesca Bergesio, una ragazza di 19 anni proveniente da Cernere, in provincia di Cuneo. Il suo sogno, prima del titolo di reginetta, era quello di iscriversi all’Università romana Unicamillus e diventare medico. Ora, però, la ragazza ha deciso di prendersi del tempo e nel frattempo ha raccontato la sua vita attraverso varie interviste. I suoi racconti hanno lasciato tutti quanti senza parole. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Francesca Bergesio, fuori la verità sulla nuova Miss Italia: di chi è figlia

Leggi anche: Grave lutto a Miss Italia, si è spenta per sempre l’iconico volto della bellezza italiana

Leggi anche: Diventa Miss Olanda, poi gli insulti: cos’è successo

Leggi anche: Sissi, che fine ha fatto dopo “Amici 21”: era una delle voci più belle d’Italia

Francesca Bergesio, il drammatico annuncio dopo la vittoria a “Miss Italia”

Miss Italia 2023 è Francesca Bergesio, una ragazza di 19 anni proveniente da Cernere, in provincia di Cuneo. Il suo sogno, prima del titolo di reginetta, era quello di iscriversi all’Università romana Unicamillus e diventare medico. Ora, però, con nuove opportunità all’orizzonte, la ragazza vuole prendersi il suo tempo: “Farò attenzione alle porte che mi si apriranno, poi deciderò”. Intorno alla sua vittoria sono iniziate a girare diverse polemiche. La modella ha un padre molto noto: “Non volevo che si sapesse che mio padre era un senatore”. Francesca si dice consapevole del suo diritto di nascita e del fatto di avere “una famiglia alle spalle che mi ha supportato”, eppure non ha apprezzato le voci sulla sua raccomandazione diffuse dopo la sua vittoria. Miss Italia ha dichiarato: “Ho sentito cose che non mi sono piaciute. Per questo non volevo che si sapesse che mio padre era un senatore. E comunque nella vita anche io ho dovuto superare difficoltà”. Poi Francesca ha raccontato di quando, all’età di 14 anni, i genitori l’hanno mandata a studiare in convitto a Torino: “Tra la solitudine e i nuovi ambienti, non è stato semplice abituarsi, eppure è stata una grande esperienza che mi ha resa autonoma e più forte”. Con un papà senatore, “con cui ci vediamo poco ma parliamo molto”, sembra quasi inevitabile essere aggiornati su fatti di cronaca e politica. Francesca ha ammesso: “Abbiamo un gruppo di famiglia su WhatsApp che si chiama “rassegna stampa”, dove papà ogni mattina ci manda i pdf dei giornali. Capita che la pensiamo diversamente, c’è dibattito”. (Continua a leggere dopo la foto)

Un fiume in piena

Francesca Bergesio si è espressa con durezza anche sulla polemica di Miss Italia e sul fatto che il concorso finisca per danneggiare gli anni di lotte per migliorare la condizione femminile: “Per me è stata un’occasione come per tante ragazze che da domani avranno possibilità di lavoro. La selezione ha ci permesso di ragionare su temi delicati, di portare sul palco il nostro talento. Sono d’accordo con Sgarbi la bellezza femminile è una forma d’arte, sempre diversa. Mi sembra che si parli tanto di diversità e si voglia invece un mondo uniformato”. La Miss ha fatto chiarezza sul suo monologo, incentrato sulla violenza nei confronti delle donne: “Occorre educare i maschi fin da piccoli al rispetto e alla parità”. Poi ha parlato di essere stata anche vittima di bullismo a scuola: “Molestie fisiche no, però ho subito tanta pressione, tanti commenti, anche cattivi sul mio corpo. Anche il bullismo è una molestia. Da ragazzina per la mia altezza mi sentivo diversa e c’erano quei commenti cattivi: “cavallona”, “bislunga” che mi facevano soffrire. Probabilmente oggi chi mi ha bullizzato mi farebbe un sorriso, ma li faccio marcire nel loro piccolo mondo”.