x

x

Vai al contenuto

Cinema in lutto, se ne va un grande

Cinema in lutto, se ne va un grande

Il mondo del cinema è in lutto. È morto nei girni scorsi un noto drammaturgo britannico, uno dei più importanti autori della seconda metà del Novecento. L’uomo, 89 anni, era ricoverato presso l’Addenbrookes Hospital di Cambridge nel Regno Unito. Il suo cuore ha smesso di battere il 3 Marzo 2024. Vediamo nel dettaglio chi era. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Cinema italiano in lutto, se ne va un pezzo di storia

Leggi anche: Musica in lutto, morta a 31 anni la cantante malata di tumore

Leggi anche: Cinema italiano in lutto: addio per sempre ad uno dei volti più amati

Leggi anche: Grave lutto per la la soap “Un posto al sole”: “Una grande perdita”

È morto Edward Bond, il noto drammaturgo aveva 89 anni

È morto nelle scorse ore il drammaturgo britannico Edward Bond, uno dei più importanti autori della seconda metà del Novecento. L’uomo, 89 anni, era ricoverato presso l’Addenbrookes Hospital di Cambridge nel Regno Unito. Nel corso della sua lunga carriera, ha firmato oltre 50 opere teatrali e scritti teorici, collaborando anche alla sceneggiatura candidata all’Oscar del film Blow Up (1966) di Michelangelo Antonioni. Nato il 18 luglio 1934 a Londra, autodidatta, Edward Bond aveva iniziato la sua carriera negli anni Sessanta entrando a far parte del Writer’s Group, riunito presso il Royal Court Theatre sotto la direzione del regista William Gaskill. L’esordio era arrivato nel 1962 con Il matrimonio del Papa, con protagonista un gruppo di giovani proletari della provincia inglese, seguito da Salvo nel 1965, ritratto impietoso di alcuni operai. Tra i drammi successivi La stretta via al profondo Nord (1968), Quando si fa giorno (1968) e Lear (1971). Bond ha scritto anche Il Mare (1973), Bingo (1973), Fagotto (1978), Restaurazione (1981), La donna (1979), I giochi di guerra (1985) e The hidden plot: notes on theatre and the state (1999).

“Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva”