Vai al contenuto

Berlinguer fuori dalla Rai: ecco cosa c’è dietro, la notizia poco fa

Berlinguer fuori dalla Rai: ecco cosa c’è dietro, la notizia poco fa

Dopo 34 anni di carriera nella televisione di Stato, la giornalista Bianca Berlinguer ha deciso di lasciare la Rai per accettare un’offerta da Mediaset. Il suo addio segna un altro importante cambiamento nella Rai Tre, tradizionalmente considerata un “fortino” della sinistra, che in poche settimane ha perso diverse figure di spicco. Dopo le partenze di Lucia Annunziata e Fabio Fazio, anche l’addio di Bianca Berlinguer ha suscitato notevole rumore e dibattito.

Leggi anche: “È lei, la catenina è sua”: hanno ritrovato il cadavere, la scoperta choc

Leggi anche: Barbara d’Urso, interviene Luxuria: “Vi svelo la verità”

bianca berlinguer 1 864x1024

Berlinguer fuori dalla Rai

Bianca Berlinguer ha presentato le sue dimissioni sia come direttore che come conduttrice di “Cartabianca”, il programma di approfondimento che ha guidato per diversi anni. Si prevede che la giornalista si unirà a Mediaset, ma l’annuncio ufficiale da parte dell’azienda di Cologno Monzese è ancora atteso. Pare che la trattativa con Pier Silvio Berlusconi, AD di Mediaset, sia stata condotta in segreto e personalmente da lui. La Rai ha rilasciato una nota in cui ringrazia Berlinguer per i 34 anni di lavoro svolto in piena autonomia, sia come direttore che come conduttrice di programmi di approfondimento. L’azienda ha espresso i migliori auguri per il proseguimento della sua attività professionale. Lo strappo tra la conduttrice e la Rai è diventato evidente nella mattinata del 3 luglio. Il nuovo Amministratore Delegato della Rai, Roberto Sergio, ha dichiarato che al momento “Cartabianca” non è presente nel palinsesto, aggiungendo che si attendeva rispettosamente la decisione di Berlinguer sulla continuazione della conduzione del talk politico. La Rai considera Berlinguer una figura di spicco all’interno dell’azienda e spera che la sua decisione, seppur sofferta, possa portare alla ripresa di “Cartabianca” nella prossima stagione televisiva su Rai Tre.

Leggi anche: “E’ il suo corpo”. Finite le speranze, la notizia è appena arrivata

Leggi anche: Francesca Pascale e Paola Turci, l’annuncio improvviso ad un anno dal matrimonio

Bianca Berlinguer 730x1024

Il futuro di Bianca

Secondo le indiscrezioni, con Mediaset, Berlinguer dovrebbe firmare un contratto pluriennale che garantirà la sua permanenza fino al pensionamento, un compenso più elevato rispetto ai 240.000 euro offerti dalla Rai e un budget più consistente per il suo programma. Secondo il Corriere della Sera, la Berlinguer prenderà il posto di Barbara Palombelli a “Stasera Italia”, il talk politico che va in onda su Rete Quattro dal lunedì al venerdì in access prime time. La decisione di Berlinguer non sembra essere stata principalmente motivata da ragioni economiche, ma piuttosto da una sensazione di incompatibilità con la nuova dirigenza che sta modellando quella che viene chiamata “Tele Meloni”. La giornalista ha avvertito che la Rai non era più il suo ambiente familiare, aprendo così la strada all’interessamento di Mediaset, che ha colto l’opportunità. Secondo quanto rivelato da TvBlog, l’AD di Mediaset, Piersilvio Berlusconi, ha condotto personalmente e in segreto le trattative con Bianca Berlinguer. La Rai, sebbene fosse consapevole delle sue insoddisfazioni, probabilmente non si aspettava un simile epilogo. Quando hanno compreso che Berlinguer era determinata a lasciare, hanno tentato di contrastarla offrendole un budget più sostanzioso per la prossima stagione di “Cartabianca”. Tuttavia, Mediaset aveva già preso la decisione e la posizione di vantaggio.

Leggi anche: “È lei, la catenina è sua”: hanno ritrovato il cadavere, la scoperta choc

Con la partenza di Bianca Berlinguer, si chiude un capitolo della sua lunga e apprezzata carriera nella Rai. La giornalista si appresta a intraprendere una nuova avventura professionale, mentre la Rai dovrà fare i conti con la perdita di una delle sue voci più autorevoli. Sarà interessante seguire gli sviluppi futuri dei programmi di approfondimento della televisione pubblica e l’impatto che questa serie di addii avrà sulla sua identità e posizionamento nel panorama mediatico italiano.