x

x

Vai al contenuto

Autovelox in autostrada, cambia tutto ora: arriva Vergilius

Autovelox in autostrada, cambia tutto ora: arriva Vergilius

Con autovelox o rilevatore di velocità, si indicano, in Italia, i sistemi fissi e mobili di misurazione della velocità dei veicoli su strada. Il marchio commerciale Autovelox è usato genericamente nella lingua italiana per indicare un qualunque dispositivo rilevatore di velocità in uso alle Forze dell’Ordine. Dopo le numerose segnalazioni di distruzione degli autovelox da parte di Fleximan e dei suoi emuli, la novità che riguarda gli automobilisti. È in arrivo un nuovo sistema di controllo della velocità in autostrada e sulle strade extraurbane. Vediamo nel dettaglio di che cosa si tratta. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Tragico schianto in autostrada: il bilancio choc

Leggi anche: Tamponamento a catena in autostrada: è l’inferno in Italia

Leggi anche: Tragico incidente in autostrada: schianto devastante tra più mezzi

Leggi anche: Caos in autostrada, tutto bloccato e traffico in tilt: cosa succede

Autovelox in autostrada, cambia tutto ora: arriva Vergilius

È in arrivo in Italia un nuovo sistema di controllo della velocità in autostrada e sulle strade extraurbane. Il modello più usato finora è stato quello del cosiddetto Tutor, che rilevava la velocità media fra due portali. Fra poco, invece, arriverà Vergilius, segnalatore di velocità più preciso, che non si limita a calcolare le velocità media. Può monitorare anche la velocità istantanea nel momento in cui l’auto passa sotto le videocamere. Esattamente come un normale autovelox. Come riportato da The social post, Vergilius viene tarato per calcolare un limite di tolleranza del 5% sui limiti imposti. In pratica, se il limite è a 130, i guidatori se la caveranno non superando la soglia dei 136.5 chilometri orari. Oltre, scatteranno le multe secondo le modalità consuete. La sanzione pecuniaria arriva fono a 10km orari oltre il limite, perdita dei punti progressiva per le velocità superiori. Vergilius è già installato e operativo in alcune tratte extraurbane particolarmente a rischio. La SS1 Aurelia, la SS7 quarter Domitiana, la SS 309 Romea, la SS145 Var Sorrentina e l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria. (Continua a leggere dopo la foto)

Le multe in base alla velocità

In Italia, superare la velocità consentita, oltre lo scarto applicato per la tolleranza sui valori rilevati dall’autovelox, significa rischiare una sanzione pecuniaria da 42 a 173 euro quando si guida fino a 10 Km/h oltre il limite di velocità. L’importo della multa dell’autovelox aumenta con l’incremento dell’eccesso di velocità. Se il superamento del limite va da 10 a 40 Km/h oltre la velocità consentita, la multa può andare da 173 a 695 euro. Invece, per eccessi di velocità più elevati da oltre 40 Km/h fino a 60 Km/h in più del limite, in questo caso la sanzione amministrativa è compresa tra 544 e 2.174 euro. Oltre questa soglia, quindi in caso di eccesso di velocità oltre 60 Km/h in più rispetto al limite e alla tolleranza, la multa dell’autovelox con tolleranza prevede un’ammenda da 847 euro, la quale può arrivare fino a un massimo di 3.389 euro. Il Codice della Strada prevede anche la decurtazione dei punti dalla patente, una misura che non viene applicata per un eccesso di velocità fino 10 Km/h oltre il limite. Se il superamento è oltre 10 Km/h e fino a 40 Km/h il limite, invece, vengono sottratti 3 punti alla patente, mentre guidare oltre i limiti di velocità da 40 a 60 Km/h in più rispetto alla velocità consentita comporta la perdita di 6 punti sulla patente. La misura più grave per i punti patente riguarda una velocità superiore di oltre 60 Km/h il consentito, comportamento che prevede la decurtazione di 10 punti e la sospensione diretta della patente da 6 mesi a 1 anno. Commettendo due volte la stessa infrazione in un periodo di 2 anni si rischia la revoca dell’abilitazione di guida, mentre con due infrazioni per eccesso di velocità nella soglia 40-60 Km/h la pena è la sospensione della patente da 8 a 18 mesi.