x

x

Vai al contenuto

Silvio Berlusconi, la notizia improvvisa sul testamento

Silvio Berlusconi, la notizia improvvisa sul testamento

Silvio Berlusconi è morto a Milano il 12 giugno 2023 ed è stato un politico e imprenditore italiano, quattro volte Presidente del Consiglio. Nell’ottobre 1993 è entrato in politica e nel gennaio 1994 ha fondato Forza Italia, partito politico di centro-destra. A pochi giorni dalla morte di Silvio Berlusconi, il dibattito ormai più caldo riguarda il suo testamento. Secondo quanto riportato da Il Messaggero, per l’apertura del testamento i tempi sembrano allungarsi e il notaio Arrigo Roveda dello studio RLCD potrebbe riunire i cinque eredi a inizio luglio, quindi tra un paio di settimane. Non ci si aspettano grosse sorprese: le sue ultime volontà erano state riviste un paio di mesi prima della morte con piccoli aggiustamenti. Vediamo nel dettaglio che cosa accadrà. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Silvio Berlusconi, l’insulto di Oliviero Toscani non passa inosservato

Leggi anche: Silvio Berlusconi, la splendida notizia dopo il funerale

(Photo by Massimo Di Vita/Archivio Massimo Di Vita/Mondadori Portfolio via Getty Images)
(Photo by Massimo Di Vita/Archivio Massimo Di Vita/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Leggi anche: Silvio Berlusconi, dopo la morte il suo avvocato rompe il silenzio e spiazza tutti

Leggi anche: Silvio Berlusconi, oggi i funerali: perché Maria De Filippi non ci sarà

Silvio Berlusconi, la notizia improvvisa sul testamento

A pochi giorni dalla morte di Silvio Berlusconi, l’ex presidente del Consiglio e fondatore di Fininvest e Forza Italia, scomparso lo scorso 12 giugno a 86 anni, il dibattito ormai più caldo riguarda il suo testamento. Secondo quanto scrive Il Messaggero, per l’apertura del testamento il notaio Arrigo Roveda dello studio RLCD potrebbe riunire i cinque eredi a inizio luglio, quindi tra un paio di settimane. I cinque eredi sono i figli: Marina e Pier Silvio, nati dal suo primo matrimonio con Carla Dell’Oglio, e poi Barbara, Eleonora e Luigi, nati dalle seconde nozze con Veronica Lario. Non dovrebbero esserci grosse sorprese all’apertura dell’atto ufficiale: le sue ultime volontà erano state riviste un paio di mesi prima della morte con piccoli aggiustamenti, come il lascito di qualche decina di milioni all’ultima compagna Marta Fascina. Nessun ribaltamento in vista per gli assetti attuali, con Marina e Pier Silvio al vertice delle tre aziende quotate (MFE-Mediaset, Mondadori e Mediolanum) e nessuna novità anche per gli interessi economici degli altri tre figli. (Continua a leggere dopo la foto)

Da sinistra: Paolo e Marina Berlusconi e Marta Fascina, salutano il feretro di Silvio Berlusconi al termine del funerale di Stato a Milano, 14 Giugno 2023 ANSA/MATTEO BAZZI From left: Paolo and Marina Berlusconi, Marta Fascina, greet the coffin of Silvio Berlusconi at the end of the state funeral in Milan, 14 June 2023 ANSA / MATTEO BAZZI

I doppi diritti e le differenze tra i figli

Nel testamento di Silvio Berlusconi potrebbero dunque essere presenti specifiche direttive su doppi diritti di voto e patrimoniali, per soddisfare tutti gli eredi e scongiurare guerre in tribunale. La soluzione potrebbe dunque essere legata alla presenza di azioni A, con diritti di governance (a favore dei primi due figli) e azioni B (per Barbara, Eleonora e Luigi) con diritti patrimoniali che assicurerebbero un’equa spartizione dei beni tra tutti. Marina e Pier Silvio resterebbero dunque a capo di Fininvest pur mantenendo un 20% a testa, seppur con l’obbligo di unanimità su voti decisivi (come un’eventuale cessione della tv). Questo modello è già utilizzato sia in Italia che all’estero. Per saperne di più, non c’è che da aspettare qualche settimana.