x

x

Vai al contenuto

Orrore in Italia, fisioterapista accoltellata alla gola in garage: è caccia all’uomo

Orrore in Italia, fisioterapista accoltellata alla gola in garage: è caccia all’uomo

Questa mattina, 14 febbraio, una donna è stata trovata all’interno del garage di un condominio. Accoltellata alla gola, la donna è una fisioterapista molto conosciuta in città. Immediatamente i carabinieri si sono messi a lavoro per cercare il responsabile di questo orrore.

Leggi anche: Sport italiano in lutto, la campionessa trovata morta in casa

Leggi anche:  Cinema in lutto, l’amato attore trovato morto dalla compagna

Fisioterapia

Orrore in Italia, fisioterapista accoltellata alla gola in garage

Waltraud Kranebitter in Auer, è una fisioterapista di 61 anni, aggredita nel condominio dove vive, in via Cavour a Bolzano, mentre scendeva in garage per azionare il contatore. La donna è stata trovata con la gola tagliata ed un versamento cerebrale. Sembrerebbe un vero e proprio agguato, i carabinieri stanno indagando sui rapporti tra la donna e i familiari. Tutto deve essere successo intorno a mezzanotte, mentre in casa c’erano i nipotini della signora, che non si sono accorti di nulla anche se la porta d’ingresso dell’appartamento è stata trovata aperta. (continua dopo la foto)

Leggi anche:  Italia in lutto, addio ad un grande politico

L’agguato

Da una prima ricostruzione la fisioterapista 61enne sarebbe scesa in garage per rattizzare la corrente, ma sembrerebbe una vera e propria trappola dato che qualcuno avrebbe infatti disattivato il contatore dell’energia elettrica di proposito e una volta che si è spenta la luce è stata aggredita quando ancora era sulle scale. La donna è stata trovata priva di sensi questa mattina da un vicino di casa che ha immediatamente chiamato i soccorsi. La donna ora è in gravissime condizioni e ricoverata in coma farmacologico, ma non sembrerebbe in pericolo di vita.

Sul tentato omicidio indagano i carabinieri della compagnia di Bolzano. Waltraud svolgerebbe il lavoro di fisioterapista ed sarebbe molto nota in città, dunque è probabile che conoscesse il suo aggressore. La donna, da quanto trapela, era appena tornata da Monaco, dove era stata assieme ai nipoti. “Lo conosceva senz’altro, ma non posso dire niente. Sanno tutti gli investigatori”, dice una parente. Il marito di Waltraud, ha dichiarato che le forze dell’ordine hanno consigliato alla figlia di chiamare il 112 qualora suo marito dovesse avvicinarsi a lei. Le indagini si stanno concentrando sul compagno della figlia, un africano residente in Germania, dal quale la figlia della coppia si starebbe separando.