Vai al contenuto

Michael Schumacher, il triste annuncio gela milioni di fan: cos’ha rivelato l’amico

Michael Schumacher, il triste annuncio gela milioni di fan: cos’ha rivelato l’amico

Il 29 dicembre 2013 il pilota di Formula 1, Michael Schumacher, durante una discesa con gli sci in un fuori pista sulle nevi di Méribel, in Francia, cade e sbatte violentemente la testa contro una roccia; l’urto è stato aggravato dal fatto che il pilota avesse una telecamera sportiva attaccata in testa, la cui asta di supporto perforò il casco impattando contro il cranio. Sono passati 10 anni da quel tragico evento e le condizioni del pilota sono stabili seppur gravi. Dopo l’ospedale i familiari si prendono cura di Schumacher non facendo avvicinare nessuno per prevenire eventuali fughe di notizie.

Leggi anche: Gender reveal finisce in tragedia, l’aereo precipita: purtroppo è morto

Leggi anche: Linda Evangelista choc: il terribile annuncio sul cancro

Screenshot 2023 09 07 alle 09.03.28

Michael Schumacher, il triste annuncio gela milioni di fan: cos’ha rivelato l’amico

L’incidente di Michael Schumacher è stato talmente grave da portare il pilota ad un coma farmacologioco di circa 250 giorni. Una volta risvegliato è tornato a casa dove la famiglia con grande riserbo si prende cura di lui. Oggi a parlare delle sue condizioni e a rivelare come sta Michael Schumacher è l’amico Roger Benoit. (continua dopo la foto)

Leggi anche: È morto l’amato cantante: giallo sulle cause del decesso

Screenshot 2023 09 07 alle 09.05.03

Come sta oggi Schumacher

Roger Benoit ha rilasciato un’intervista a Blick dove ha parlato dell’amico ed ex pilota di Formula 1 Michael Schumacher, di cui non si sente più parlare dopo che, 10 anni fa è stato vittima di un incidente che gli ha stravolto la vita. Benoit non è a conoscenza di come stia effettivamente Schumacher, ma si è lasciato sfuggire un commento: “La risposta a questa domanda è una sola e l’ha data suo figlio Mick nel 2021 in una delle sue rare interviste: “Darei qualsiasi cosa per parlare con papà”. Questa frase dice tutto di come sta suo padre da oltre 3500 giorni. È un caso senza speranza