x

x

Vai al contenuto

Maria Teresa Ruta, dramma nella sua vita: l’accusa al fratello è grave

Maria Teresa Ruta, dramma nella sua vita: l’accusa al fratello è grave

Maria Teresa Ruta, dramma nella sua vita: l’accusa è grave – Possibili guai per il fratello di Maria Teresa Ruta. Il fatto è legato ad un incidente stradale a Forlì capitato nell’estate del 2020. Di quel violento impatto si è parlato a lungo anche in tv: capitò proprio nelle settimane in cui la presentatrice si stava preparando a partecipare al “Grande Fratello Vip”. Alla notizia delle gravi condizioni del fratello Stefano Maria Teresa Ruta si precipitò a Cesena per assisterlo, incerta se rinunciare alla trasmissione di Canale 5 condotta da Alfonso Signorini. A rincuorarla, una volta tornato cosciente, lo stesso parente. Il fratello Stefano la convinse infatti a partecipare al reality, non solo: al “GF Vip” questi attraverso un videomessaggio annunciò alla sorella il miglioramento delle sue condizioni. Una scena caratterizzata da struggenti lacrime e commozione. Ma perché ora si torna a parlarne? Il motivo è presto detto. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Aurora Ramazzotti, incidente in piscina per lei: ora si spiega la sua assenza

Leggi anche: Alessia Marcuzzi, altro che Stefano De Martino: con chi l’hanno beccata

Maria Teresa Ruta, dramma nella sua vita: l’accusa al fratello è grave

Ribaltamento inaspettato nella vicenda giudiziaria che vede protagonista Stefano Ruta, riminese di 53 anni, fratello della nota presentatrice tv Maria Teresa Ruta, coinvolto in un grave incidente in bici sulle prime colline di Forlì nel 2020. Secondo quanto riferisce «Today», la Procura di Rimini ha deciso di indagarlo per calunnia e di chiederne il rinvio a giudizio. L’udienza è stata fissata dal gip del Tribunale di Rimini Vinicio Cantarini per il prossimo mese di ottobre. Per l’ipotesi accusatoria Ruta avrebbe accusato il conducente dell’auto che l’ha colpito “con formale denuncia, del delitto di lesioni personali stradali ai suoi danni, pur sapendolo innocente”. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Francesco Totti e Ilary: spariti i Rolex contesi. Uno di questi vale una fortuna: la cifra

Leggi anche: Selvaggia Lucarelli, è alta tensione con Milly Carlucci: cosa succede

Maria Teresa Ruta: il fratello è accusato di calunnia, cos’è successo

A denunciare il fratello di Maria Teresa Ruta è stato proprio l’uomo che guidava la macchina che ferì Ruta, un 86enne di Predappio, una volta discolpatosi dalle accuse di lesioni personali. L’anziano avrebbe agito legalmente dopo essere stato additato anche nei salotti televisivi, come un investitore di ciclisti. Un esempio? A “Domenica Live”, lo show allora condotto da Barbara d’Urso. La nuova vicenda giudiziaria è stata radicata al Tribunale di Rimini, dove cioè Ruta a suo tempo aveva proposto la sua querela all’anziano automobilista. (continua a leggere dopo le foto)

L’incidente avvenuto ad agosto del 2020

Stefano Ruta si era recato a Forlì il 26 agosto 2020 per partecipare ad una competizione amatoriale, il “6° gran premio Krifi Caffè”, sulle colline di Vecchiazzano. Il dramma si è consumato all’incrocio tra via Veclezio e via Mangella. A colpirlo era stata l’auto condotta dall’anziano. Un impatto violento, che costrinse il fratello della conduttrice ad essere ricoverato in ospedale. Addirittura l’uomo era finito in coma farmacologico. Come spiega “Today” Stefano Ruta, che si era attardato per un problema dello scarpino al pedale, “si sarebbe trovato dietro la vettura che indicava la fine della gara ciclistica, per cui in quel momento sarebbe stato un utente della strada come gli altri e alla sua immissione in via Veclezio avrebbe dovuto dare la precedenza alla macchina che percorreva la strada principale, percorsa a sua volta lecitamente dall’86enne in quanto l’ordinanza del Comune di Forlì avrebbe consentito la circolazione del normale traffico viario  dopo il transito della vettura del ‘fine gara’. Per questo Stefano Ruta era stato anche sanzionato per la mancata precedenza. Ed ora l’automobilista di Predappio, vinta la sua causa in tribunale, è passato al contrattacco per quelle accuse che gli furono mosse a suo dire in modo ingiusto”. L’anziano investitore, lo scorso autunno, è stato scagionato dalle accuse di lesioni stradali colpose al Tribunale di Forlì, dal giudice Giorgio Di Giorgio, che aveva archiviato il caso.