Vai al contenuto

Tensione Napoli, lo striscione dei tifosi contro i giocatori

Tensione Napoli, lo striscione dei tifosi contro i giocatori

La tifoseria del Napoli ha archiviato Rudi Garcia e mette nel mirino i giocatori: pubblicato uno striscione per strigliare la squadra.

Messaggio diretto ai giocatori

I tifosi del Napoli hanno voluto mandare un messaggio forte e chiaro. E questa volta lo hanno diretto esclusivamente ai giocatori, senza riferimenti all’allenatore e alla società. La Curva napoletana ha esposto uno striscione proprio al di fuori dello stadio Maradona: “A pagare è stato l’allenatore, ma sia chiaro… non vi dà l’impunità aver vinto il tricolore” recita il messaggio. Come a dire, dopo l’esonero di Rudi Garcia, non avete più scuse e sarete nel mirino dei tifosi qualora non arrivassero i risultati. Non il modo migliore forse per iniziare il nuovo percorso con Walter Mazzarri. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Globe Soccer Awards: i candidati e gli italiani in lizza a Dubai

Leggi anche: Brasile-Argentina 0-1: decide Otamendi, scontri sugli spalti

Anguissa in copertura
Anguissa va in chiusura du Fofana in Napoli Union Berlino (Photo by Alberto PIZZOLI / AFP) (Photo by ALBERTO PIZZOLI/AFP via Getty Images)

Mazzarri gode di stima

Il tecnico tuttavia gode di grande stima sia all’interno della società che tra i tifosi. Con Rudi Garcia l’amore non era mai sbocciato e infatti i primi fischi dallo stadio erano arrivati dopo poche giornate di Serie A. Mazzarri invece ha un passato a Napoli, conosce l’ambiente e sa come lavorare anche con un presidente burrascoso come De Laurentiis. La Coppa Italia del 2011/2012 non è l’unica dote del tecnico toscano, spesso vicino ai ‘sentimenti’ della tifoseria e umorale come tutto l’ambiente azzurro. I riflettori ora si spostano sulle prestazioni dei giocatori, recentemente non all’altezza delle situazioni. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Olivera si rammarica
La disperazione di Olivera a fine partita (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

I calciatori nel mirino

Kvaratskhelia, al di là delle scelte di Garcia, non ingrana e sembra vittima dei propri dribbling. I dati relativi ad assist e reti realizzate sono nettamente inferiori rispetto a quelli della scorsa stagione. Il georgiano si è preso anche qualche fischio, impensabile fino a pochi mesi fa quando veniva soprannominato Kvaradona. Anche Osimhen, al momento fuori per infortunio, sarà chiamato a dimostrare di essere un attaccante continuo e di caratura internazionale. La seconda stagione di livello è sempre la più difficile, ma i tifosi gli rimproverano maggiormente l’atteggiamento da prima donna e i capricci per il rinnovo. Poi c’è il capitolo difesa, spesso disattenta e poco concentrata, il reparto che ha ricevuto più critiche nelle ultime settimane.

Un mese caldo

Si apre un mese di inferno per il Napoli e non solo perché dovrà ingranare fin da subito con le indicazioni del nuovo allenatore. Nemmeno il tempo di imparare gli schemi tattici e inizierà una sequenza con Atalanta, Real Madrid, Inter e Juventus. Ma dicembre riserva anche il turno secco di Coppa Italia e la trasferta contro la Roma come regalo natalizio. In trenta giorni gli azzurri si giocheranno la possibilità di rientrare nella lotta scudetto, oltre al passaggio ai quarti di Coppa Italia e la possibilità di aver un sorteggio favorevole per gli ottavi di Champions League.

Leggi anche: Vice pres. Saudi Pro League: “Ronaldo e Neymar gratis in Arabia”

Argomenti