x

x

Vai al contenuto

Sottomarino Titan, colpo di scena dopo la tragedia: cos’è successo

Sottomarino Titan, colpo di scena dopo la tragedia: cos’è successo

Sottomarino Titan, colpo di scena dopo la tragedia: cos’è successo – Si continua a parlare del Titan, il sottomarino della società OceanGate, esploso nell’Oceano Atlantico dopo aver tentato di visitare il relitto del Titanic a quasi 4.000 metri di profondità. Dopo giorni di ricerche disperate, i rottami del sommergibile sono stati trovati proprio accanto al fantasma del transatlantico più famoso della storia della navigazione. C’è un dettaglio sull’OceanGate che in queste ore non è passato inosservato. Ne ha scritto stamani, sabato 15 luglio 2023, «Il Messaggero». Ecco di cosa si tratta… (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Sommergibile Titan, esce fuori la drammatica verità: “Come sono morti realmente”

Leggi anche: Sommergibile disperso, la drammatica notizia poco fa

Sottomarino Titan, colpo di scena dopo la tragedia: cos’è successo

Siti oscurati e pagine social rimosse. Che la compagnia proprietaria del Titan abbia qualcosa da nascondere? Questo si domanda oggi «Il Messaggero». Il noto quotidiano riferisce che l’OceanGate ha sospeso tutte le immersioni e le operazioni commerciali. Ed è stato peraltro lo stesso sito ufficiale della società a comunicarlo sul proprio sito. Eppure mentre erano in corso le ricerche del sommergibile si era diffusa la notizia dell’offerta di lavoro per un pilota. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Sottomarino scomparso, Re Carlo sotto choc: chi c’era a bordo

Leggi anche: Sottomarino, il dramma del 19enne a bordo: esce fuori la terribile verità

Sottomarino Titan, OceanGate cancella le tracce: oscurato il sito e rimosse le pagine social

“Una versione archiviata del sito di OceanGate Expeditions, dell’8 luglio, mostra che la società aveva tolto la parte superiore della pagina web. Con impossibilità di collegarsi ad alcune sezioni interne, proprio quelle che erano state oggetto di polemiche. La scelta potrebbe essere stata dettata dai continui attacchi, nonché dall’interesse generato dopo la tragedia. Oppure per le eventuali azioni legali. Se non la possibilità di voler chiudere per sempre i battenti (che non è da escludere)”, specifica “Il Messaggero”. Ad essere stati cancellati nelle scorse ore anche gli account social. Le pagine Facebook di OceanGate e OceanGate Expeditions sono state entrambe rimosse. Così come gli account LinkedIn e Twitter. L’account Instagram? È stato reso privato, mentre quello di OceanGate Expeditions sembra essere stato cancellato. (continua a leggere dopo le foto)

I passeggeri a bordo hanno realizzato tutto quel che stava accadendo: parla l’esperto

Secondo l’ingegnere spagnolo José Luis Martín il sottomarino della Ocean Gate sarebbe “precipitato come una freccia” prima di “esplodere come un palloncino”. In quel periodo di tempo i cinque passeggeri “hanno realizzato tutto. Immagino l’orrore, la paura e l’agonia. Dev’essere stato come un film dell’orrore”, ha aggiunto l’esperto. La Guardia Costiera americana ha confermato la morte delle vittime quattro giorni dopo ed è in corso un‘indagine sull’implosione anche in Canada. “C’è ancora molto da fare per comprendere i fattori che hanno portato alla catastrofica perdita del Titan e garantire che una tragedia simile non si ripeta”, ha dichiarato Jason Neubauer, presidente del Marine Board of Investigation.