x

x

Vai al contenuto

Reazione a Catena, telespettatori furiosi: esplode la bufera

Reazione a Catena, telespettatori furiosi: esplode la bufera

Reazione a Catena, telespettatori furiosi: esplode la bufera. Due squadre composte da tre giocatori si sfidano in una serie di performance nelle quali devono mettere alla prova la conoscenza l’uno dell’altro e aggiudicarsi il montepremi accumulato risolvendo la reazione a catena finale. Sono queste le caratteristiche alla base di Reazione a Catena, il gioco estivo di Rai 1 che va in onda tutti i giorni prima del telegiornale. In queste ore, Reazione a Catena è nuovamente nel vortice delle polemiche dei telespettatori. Il popolare quiz show di Rai 1 condotto da Marco Liorni ha generato qualche perplessità per la puntata andata in onda il 29 giugno 2023. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Lorella Cuccarini sommersa di critiche dopo questo scatto: è bufera sui social

Leggi anche: Chi l’Ha Visto, è bufera contro Federica Sciarelli

Leggi anche: Maria Sofia in braccio a Rocco Siffredi, poi accade il peggio: è bufera

Leggi anche: Francesco Totti e Noemi Bocchi, il gesto di lui scatena una bufera

Reazione a Catena, telespettatori furiosi: esplode la bufera

Reazione a Catena, il popolare quiz show di Rai 1 condotto da Marco Liorni ha generato qualche perplessità per la puntata andata in onda il 29 giugno 2023. Protagonista è stato il trio formato dai fiorentini Edoardo, Lorenzo e Riccardo, i “Gessetti”. I tre ragazzi hanno raggiunto lo slot finale de L’ultima Catena con un bottino di 99mila euro. Peccato che alla fine del blocco il denaro è sceso fino a 6.188 euro per le soluzioni non trovate. Proprio su queste domande e risposte, però, il pubblico ha manifestato i propri dubbi.

La parola da trovare, con iniziale “B” era tra i termini “Imboccare” e “Ciuccio”. Per i tre fiorentini, la risposta era “Bambino”, ma per la produzione “Bebè”. Subito dopo, un’altro incastro ha infastidito i fan della trasmissione. “Ciuccio” e “Bue” con una parola che inziava con la lettera “A”, nel mezzo: per i giovani era “Asino” per la redazione “Asinello”. Immediatamente sui social si è scatenata una vera e propria bufera. Il popolo di Twitter ha pensato che si trattasse di un tranello per far cascare il trio ed evitare che intascasse la somma iniziale. (Continua a leggere dopo la foto)

I commenti su Twitter

Non è la prima volta che accade che i telespettatori di Reazione a Catena si pongono dalla parte dei giocatori del programma che, palesemente individuano le parole per il senso, ma non nella forma prescelta dagli autori. Per alcuni è solo casualità, ma in tanti sostengono che sia fatto volontariamente per dimezzare il montepremi, in modo tale da trovare parole simili tra di loro che possano essere sostituite in base alle necessità. Tra i vari commenti su Twitter, soprattutto sotto l’hashtag del programma, si legge: “Non è giusto, le risposte sono esatte anche se non perfettamente combacianti con quelle proposte dagli autori” e “Autori cattivelli, questo è un tranello per farli perdere”. Che dire? Ora non ci resta che attendere una reazione degli autore del gioco estivo di Rai 1.