x

x

Vai al contenuto

Michelle Hunziker ricorda Silvio Berlusconi su Instagram: il gesto del Cavaliere

Michelle Hunziker ricorda Silvio Berlusconi su Instagram: il gesto del Cavaliere

Silvio Berlusconi ha segnato la storia del nostro Paese sia a livello economico che politico. Dopo aver iniziato la sua attività imprenditoriale nel campo dell’edilizia, nel 1975 ha costituito la società finanziaria Fininvest e nel 1993 la società di produzione multimediale Mediaset, nelle quali convergono altre società come Arnoldo Mondadori Editore e Silvio Berlusconi Communications, rimanendo figura simbolo della sua famiglia. I tanti collaborati Mediaset, dopo aver appreso la notizia della sua morte, hanno deciso di salutarlo con dei messaggi sui social. Tra i quali spiccano le parole di Michelle Hunziker, la quale ha detto addio a Silvio Berlusconi ricordando un particolare aneddoto. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Silvio Berlusconi, una vita privata intensa: le mogli e i figli del cavaliere

Leggi anche: Silvio Berlusconi, le ultime parole dette al bar prima di morire

Leggi anche: Silvio Berlusconi è morto: ha fatto la storia del calcio

Leggi anche: Silvio Berlusconi, ecco quanto costerà agli italiani il suo funerale

Michelle Hunziker ricorda Silvio Berlusconi su Instagram: il gesto del Cavaliere

Mediaset si stringe in queste ore al cordoglio della famiglia Berlusconi, in particolare al dolore di Pier Silvio, ricordando l’importanza del suo fondatore ed esprimendo profonda gratitudine per tutti questi anni. Tanti i personaggi che da ieri condividono un pensiero, scrivono un ricordo su quello che per sempre sarà il loro Presidente. Tra questi anche Michelle Hunziker, la quale gli ha dedicato un messaggio molto personale su Instagram: “Caro Silvio, l’ultima volta che ci siamo sentiti è quando mi hai regalato un meraviglioso ritratto della Madonna a cui tenevi tanto. Tengo custode nel cuore le parole che solo un uomo di grande profondità, come la tua, poteva dirmi . Mi mancherai e mancherai a tutte le persone che hanno avuto la fortuna di conoscerti come uomo. Fai un buon viaggio nella luce. Ti voglio bene”. La generosità di Berlusconi è nota, era solito fare regali a chi lavorava con lui, alle persone che frequentava. Non necessariamente regali costosi, ma anche pensieri con un significato molto più profondo, come appunto l’immagine sacra donata alla nota conduttrice. (Continua a leggere dopo la foto)

Il ricordo dei vip: da Barbara d’Urso a Ezio Greggio

Da Iva Zanicchi a Michelle Hunziker, passando per Ezio Greggio e Barbara d’Urso. Tutti i vip delle sua televisione hanno voluto ricordare Silvio Berlusconi, scomparso all’età di 86 anni lunedì 12 giugno. Iva Zanicchi ha raccontato: “Lo stimavo tantissimo e so che lui stimava me, lui mi volle nel 1984 per “Ok, il prezzo è giusto”. Poi io volevo entrare in politica e lui me lo sconsigliò. Abbiamo sempre mantenuto un rapporto di stima e rispetto: oggi è una giornata triste perché Silvio Berlusconi passerà alla storia, perché è stato un uomo grane”. Ezio Greggio ha dichiarato: “Conoscendo la sua forza e la sua personalità mi aspetterei da lui che ricomparisse da un momento all’altro, come ha già fatto in passato. Ricordare la vita di Berlusconi è ricordare un pezzo della mia vita: 40 anni di televisioni e di cinema insieme”.

Barbara d’Urso ha affermato: “La nostra storia professionale inizia 45 anni fa, quando la mente geniale di Silvio Berlusconi ideò la prima televisione privata italiana, Telemilano. Chiamò me, Massimo Boldi, Teo Teocoli, Diego Abatantuono e la sera conducevamo una trasmissione, ci chiamava in riunione e ci diceva: allora ragazzi, cosa fate e cosa dite. Da lui ho imparato tutto”. Anche Francesco Totti, ex capitano della Roma, ha ricordato Silvio Berlusconi: “Perdiamo il numero uno in assoluto, di tutto e di tutti. Purtroppo ci ha lasciato, siamo vicini alla famiglia. Sono contento di aver sempre avuto un grandissimo rapporto con lui. Il suo grande rammarico è non avermi portato al Milan, ma ero giovane e avevo altri obiettivi. Quando hai un amore più forte è difficile cambiare”.