Vai al contenuto

Matteo Bassetti va in vacanza, poi il dramma: rimane senza parole

Matteo Bassetti va in vacanza, poi il dramma: rimane senza parole

Abbiamo imparato a conoscere Matteo Bassetti, medico in servizio presso il San Martino di Genova, attraverso una schermo della tv. Lui e tantissimi altri esperti ci hanno fatto compagni durante il lungo periodo del Covid. In questi giorni Bassetti ha deciso di prendersi qualche giorni di relax e di concedersi una vacanza, la quale a quanto pare si sarebbe trasformata in un incubo. Il medico del San Martino di Genova Matteo Bassetti è arrabbiatissimo. Non solo con i colleghi che hanno firmato un esposto contro di lui, dei quali ha promesso la radiazione. Ma anche con la nave Aki della compagnia Moby, in servizio da Olbia a Genova. Vediamo nel dettaglio cos’è accaduto. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Matteo Bassetti, si mette male per lui ora: cosa sta succedendo

Leggi anche: Matteo Bassetti rompe il silenzio sulla morte di Berlusconi

matteo bassetti 2
matteo bassetti 3

Leggi anche: Allarme in Italia, l’avvertimento di Bassetti: “Alto rischio di malattie”

Leggi anche: Nuovo virus preoccupa l’Europa, l’Oms lancia l’allarme: le parole di Bassetti

Matteo Bassetti va in vacanza, poi il dramma: rimane senza parole

Il medico del San Martino di Genova Matteo Bassetti ha descritto in maniera decisamente negativa la sua esperienza con la nave Aki della compagnia Moby, in servizio da Olbia a Genova. Alla quale imputa “maleducazione, ritardo, sporcizia, incapacità relazionale, prezzi folli e tanta rabbia per quelle poche aziende italiane che fanno male all’immagine dell’Italia”. Poi su Facebbok ha aggiunto: “Un breve racconto: nave programmata per le 21,30 ma con un ritardo di 2 ore. Ci imbarcano alle 23, dopo aver preso la cabina (imbarazzante), saliamo al ristorante alla carta con i ragazzi, parecchio affamati, e troviamo una catena di ferro sulla porta: un cameriere ci dice che il ristorante è già chiuso e che, se avevamo qualche lamentela, di rivolgerci al Commissario di bordo. Mi reco quindi dal commissario di bordo che, con fare molto strafottente, si rifiuta di comunicarmi il suo cognome, dicendomi che lui si chiama Maurizio e che il ristorante è chiuso perché sono le 23 e a quell’ora chiude a prescindere da quando la nave è partita. Peccato che la nave è arrivata in ritardo di 1 ora ed è salpata alle 23”. Uno sfogo senza precedenti. (Continua a leggere dopo la foto)

matteo bassetti 4
matteo bassetti 5

Uno sfogo senza precedenti

Matteo Bassetti ha deciso di raccontare ogni dettaglio di questa sua avventura negativa: “Ripieghiamo allora su una pizza al trancio: 71 euro per 9 tranci gommosi e unti, indegni di chiamarsi pizza. Per descrivere la pulizia delle cabine e la cura degli spazi comuni ho fatto direttamente alcune foto che si commentano da sole, anche perché ho finito il vocabolario. Tutti questi mirabolanti e straordinari servizi per la modica cifra di 1300 euro andata e ritorno con auto e cabina. Sulla nave viaggiano italiani, ma soprattutto stranieri. Bene questa sera, da italiano, mi sono vergognato. Credo che, chi gestisce e conduce un servizio così scadente, dovrebbe fare altrettanto”.