x

x

Vai al contenuto

Matteo Bassetti, si mette male per lui ora: cosa sta succedendo

Matteo Bassetti, si mette male per lui ora: cosa sta succedendo

Abbiamo imparato a conoscere Matteo Bassetti durante il periodo del Covid. Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1995, si è specializzato in Malattie Infettive presso l’Università di Genova nel 1999 ed ha conseguito un Dottorato di Ricerca in Malattie Infettive e Trapianti d’Organo nel 2004. Il dottore, infatti, è comparso più volte in tv nelle vesti di esperto per cercare di capire come funzionasse la pandemia che ha colpito il Mondo. Ora sembra essere finito nei guai. In una lettera, firmata da 123 medici e inviata all’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Genova, si chiede che l’infettivologo venga sottoposto a procedimento disciplinare. La richiesta dei medici è supportata da un elenco di violazioni che, secondo i firmatari, sono state commesse dal celebre infettivologo. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Matteo Bassetti rompe il silenzio sulla morte di Berlusconi

Leggi anche: Allarme in Italia, l’avvertimento di Bassetti: “Alto rischio di malattie”

Leggi anche: Nuovo virus preoccupa l’Europa, l’Oms lancia l’allarme: le parole di Bassetti

Leggi anche: Fedez torna a parlare della sua malattia: le dichiarazioni

Matteo Bassetti, si mette male per lui ora: cosa sta succedendo

Matteo Bassetti ha annunciato già battaglia legale in tribunale. Il medico ha definito un “gigantesto autogol” la lettera firmata da 123 medici e inviata all’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Genova, in cui si chiede che l’infettivologo venga sottoposto a procedimento disciplinare. La richiesta dei medici è supportata da un elenco di violazioni che, secondo i firmatari, sono state commesse dal celebre infettivologo. Nella lettera, come riportato da Il Messaggero, si legge: “Elenchiamo le violazioni alle più elementari norme del Codice Deontologico, a partire dal primo paragrafo del giuramento per cui il medico deve esercitare la professione in autonomia di giudizio e responsabilità di comportamento contrastando ogni indebito condizionamento che limiti la libertà e l’indipendenza della professione e di curare ogni paziente con scrupolo ed impegno, senza discriminazione alcuna, promuovendo l’eliminazione di ogni forma di diseguaglianza nella tutela della salute”.

Tra le accuse principali quella di “aver attaccato i colleghi che volevano informare i loro pazienti sui vantaggi e svantaggi della inoculazione definendoli cattivi maestri” e l’aver “insultato i colleghi che in scienza e coscienza trattavano i loro pazienti con farmaci tradizionali poi rivelatesi estremamente efficaci alla pari di stregoni esaltando allo stesso tempo le linee guida ministeriali, violando il principio che obbliga un medico a non farsi condizionare dalla burocrazia o da conflitti d’interesse”. Bassetti viene inoltre accusato di aver “propagandato la sicurezza e l’efficacia di un farmaco tutt’ora in via di sperimentazione” oltre ad aver “offeso e denigrato illustri medici” fino all’accusa di aver “prestato la propria immagine per pubblicità non di natura sanitaria ledendo il decoro dovuto alla figura del medico”. Immediata la risposta di Bassetti su Twitter. (Continua a leggere dopo la foto)

La replica dell’infettivologo su Twitter

Immediata la risposta di Matteo Bassetti su Twitter, il quale si dichiara pronto anche a procedere legalemente: “Ringrazio molto i 123 laureati in medicina che mi hanno segnalato e denunciato all’Ordine dei Medici di Genova. Grazie a quello che hanno scritto contro di me, contro la medicina dell’evidenza, contro i #vaccini , contro l’operato mio e di molti colleghi e a favore di farmaci e protocolli non approvati per la cura del #COVID19 , hanno fornito a me e al mio avvocato la documentazione per denunciarli, uno per uno, ai loro rispettivi ordini. Finché si parla al bar o nei comizi è un conto, non quando lo si fa per iscritto…Si sono fatti un gigantesco autogol. Verba volant scripta manent…Grazie davvero a tutti i 123! Non pensavo davvero si potesse arrivare a tanta bassezza scientifica, culturale e deontologica!!”