x

x

Vai al contenuto

Maltempo, frana si abbatte su una scuola: come è successo

Maltempo, frana si abbatte su una scuola: come è successo

Per “cambiamenti climatici” si intendono le variazioni a lungo termine delle temperature e dei modelli meteorologici. Queste variazioni possono avvenire in maniera naturale; tuttavia, a partire dal 19° secolo, le attività umane sono state il fattore principale all’origine dei cambiamenti climatici, imputabili essenzialmente alla combustione di combustibili fossili che produce gas che trattengono il calore. Anche nel Nostro Paese i cambiamenti climatici si inziano a far sentire con degli eventi atmosferici fuori dal normale: bombe d’acqua, grandinate improvvise e vento forte. In queste ore il maltempo ha colpito Genova e dintorni: una frana si è abbattuta su una scuola. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Maltempo in Italia, la situazione è critica: cosa sta succedendo

Leggi anche: Allerta maltempo, la situazione precipita: strade allagate e fiumi esondati

Leggi anche: Meteo Italia, freddo e maltempo in arrivo: segnatevi questa data 

Leggi anche: Meteo Giuliacci, altro week end chiusi in casa: ecco le regioni colpite dal maltempo

Maltempo Genova, frana si abbatte su una scuola: i fatti

Il maltempo a Genova sta decisamente causando danni significativi. Come riportato da Tgcom24, una frana è caduta nella notte a Crocefieschi, nell’entroterra di Genova, abbattendosi su una scuola elementare e sfiorando la chiesa del paese a seguito dell’ondata di maltempo che ha interessato negli ultimi giorni la Liguria. Nessuno è rimasto ferito, ma i Vigili del Fuoco hanno precauzionalmente evacuato un’abitazione e interdetto l’accesso ad altre tre case e a un campetto da calcio. A cadere è stato un masso di grosse dimensioni, che ha colpito un muro di sostegno sfondandolo e rompendo una finestra della scuola, dove vista l’ora non erano in corso attività didattiche. L’edificio scolastico ha subito ingenti danni. Nelle prossime ore i pompieri con i tecnici del Comune inizieranno la messa in sicurezza dell’edificio, poi sarà necessario capire se vi sono parti pericolanti e se lunedì gli alunni potranno fare o meno ritorno in classe.

“Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva”