Vai al contenuto

Maignan: “Sono il più forte portiere al mondo? Non ti dirò di no”

Maignan: “Sono il più forte portiere al mondo? Non ti dirò di no”

Mike Maignan ha rilasciato un’intervista a GQ Italia. Il portiere rossonero si sta confermando su livelli altissimi anche in questa stagione e ormai su di lui ci sono ben pochi dubbi. A tal punto che lo stesso ex Lille ammette di poter essere il più forte di tutti. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Soyuncu obiettivo della Roma: le ultime

Leggi anche: Inter, il Leicester di Maresca segue Sensi

Maignan nel riscaldamento
Mike Maignan completa le operazioni di riscaldamento prima del fischio di inizio (Photo by Omar Vega/Getty Images)

L’avvio di stagione del Milan non è stato certamente entusiasmante: l’Inter è scappata in testa alla classifica e il sogno Champions League si è esaurito già alla fase a gironi. Se c’è qualcuno che però ha sempre dato il massimo per non sfigurare e – anzi – ha salvato spesso e volentieri le sorti del Diavolo, questo è sicuramente Mike Maignan. Il portiere rossonero si sta confermando anche in questa prima metà d’annata sportiva su ottimi livelli. L’ex Lille ha rilasciato un’intervista ai microfoni di GQ Italia:

Io non mi sento un portiere spettacolare: cerco di fare le cose nel modo più semplice possibile. La qualità migliore che un portiere deve avere? La mentalità. La mia filosofia, scritta anche sui miei guanti e sui miei scarpini, è “foi discipline travail patiente et humilité”. Significa “fede, disciplina, lavoro, pazienza e umiltà”: è questa la mia mentalità quotidiana“.

La fiducia nei propri mezzi

Maignan ha dichiarato che aveva lavorato molto duramente per essere dove è oggi. Ha aggiunto che, in un certo senso, si aspettava di raggiungere quei livelli e che crede nel duro impegno quotidiano, avendo fiducia nel suo lavoro.

Alla domanda se si sentisse il portiere migliore del mondo, Maignan ha risposto con onestà: “Non ti dirò di no… (ride, ndr). Ci sono un sacco di portieri molto forti in circolazione, per questo continuo a lavorare sodo. Io comunque guardo solo me stesso: conosco le mie potenzialità, il meglio che posso dare”.

Argomenti