Vai al contenuto

L’Italia ha vinto la seconda Coppa Davis della sua storia

L’Italia ha vinto la seconda Coppa Davis della sua storia

Italia nella storia. Un punto decisivo firmato da Jannik Sinner ha regalato agli azzurri la seconda Coppa Davis della storia, 47 anni dopo l’ultima vinta da Panatta, Bertolucci, Barazzutti e Zugarelli nel 1976. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Pasticcini e famiglia a Milanello: la giornata di Camarda dopo l’esordio

Leggi anche: Bagnaia campione del Mondo di Moto Gp: Martin caduto

Sinner
L’italiano Jannik Sinner festeggia il match point durante la finale di Coppa Davis contro l’australiano Alex De Minaur al Palacio de Deportes Jose Maria Martin Carpena il 26 novembre 2023 a Malaga, Spagna. (Foto di Clive Brunskill/Getty Images per ITF)

Che giornata per l’Italia: dopo la vittoria di Pecco Bagnaia nel mondiale di MotoGp, è arrivato anche lo storico trionfo per gli azzurri nella Coppa Davis. Jannik Sinner ha messo a segno il punto decisivo nella finale contro l’Australia battendo Alex De Minaur con lo score di 6-3, 6-0 in un’ora e 21 minuti, regalando dunque all’Italia la seconda Coppa Davis della storia. Una vittoria che arriva 47 anni dopo l’ultima volta, quando Panatta, Bertolucci, Barazzutti e Zugarelli nel 1976 hanno trionfato a Santiago del Cile.

Italia-Australia, il tabellino

Arnaldi (Ita) b. Popyrin (Aus) 7-5, 2-6, 6-4
Sinner (Ita) b. De Minaur (Aus) 6-3, 6-0

Le parole di Sinner

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Jannik Sinner ha commentato così lo storico trionfo: “Questa vittoria è particolare e speciale. Sapevamo di avere un ottimo gruppo, siamo riusciti a mettere i pezzi insieme. Berrettini ha avuto una stagione difficile, ma è venuto qui e ci ha sostenuto. È importante far squadra, siamo tutti contenti di alzare questa coppa speciale. Grazie a tutti gli italiani che ci hanno creduto, anche quando le cose sono andate male. Da Torino ho portato tanta energia e abbiamo fatto gruppo. A Bologna abbiamo sofferto, ma siamo sempre rimasti lì. Siamo stati a un punto da ko ieri, ora trionfiamo”.

Argomenti