x

x

Vai al contenuto

Kata scomparsa, spunta la telefonata del nonno al papà

Kata scomparsa, spunta la telefonata del nonno al papà

Sono passati esattamente due mesi dalla scomparsa di Kata, bambina di appena 5 anni residente nell’ex hotel Astor a Firenze. La piccola non è stata ancora ritrovata, ma nelle ultime ore è spuntata fuori una telefonata agghiacciante del nonno della bambina al papà. Il contenuto adesso è nelle mani degli inquirenti. (Continua…)

Leggi anche: Kata scomparsa, interviene il padre in diretta: “Devo dire una cosa”

Leggi anche: Kata scomparsa, la vicina di casa rompe il silenzio

La scomparsa di Kata

La piccola Kata, di appena cinque anni, è scomparsa circa due mesi fa dal quartiere Novoli di Firenze. La piccola abitava insieme alla sua famiglia nell’ex hotel Astor, immobile occupato durante la pandemia di Covid-19 da un centinaio di persone di origini sudamericane e rumene. Quando è scomparsa, Kata era sotto la tutela di uno zio, che si è distratto un attimo e non l’ha più ritrovata.

Gli inquirenti fino ad adesso hanno battuto ogni pista. Dietro l’immobile occupato nel quartiere Novoli, infatti, c’è l’ombra del racket. È probabile dunque che Kata sia stata rapita per vendetta nei confronti della sua famiglia. Pochi giorni prima della sparizione, pare che la famiglia di Kata abbia avuto una lite con un’altra famiglia per l’occupazione abusiva di una stanza nell’ex Hotel Astor. (Continua…)

Leggi anche: Kata scomparsa, la scoperta da brividi a Chi l’ha visto

Leggi anche: Bimba scomparsa, arriva lo stop ufficiale alle ricerche: cos’è successo

Kata trovata ultima ora: la telefonata del nonno

Ci sono nuovi aggiornamenti nel caso sulla scomparsa della piccola Kata. Il nonno della bambina, detenuto in carcere in Perù, avrebbe telefonato al papà di Kata, dicendogli che la bambina si trova in Perù e che è stata rapita per errore. Il contenuto della telefonata è nelle mani degli inquirenti, che adesso cercheranno di battere questa nuova pista per trovare Kata e riportarla a casa dai propri familiari. Che la bambina adesso si trovi in Perù al momento purtroppo è solo un’ipotesi. (Continua…)

Lo zio arrestato per tentato omicidio

Nelle scorse settimane, lo zio di Kata sarebbe stato arrestato per tentato omicidio. L’uomo sarebbe dunque finito in carcere ma a quanto pare non c’entra nulla con la sparizione della nipote. Gli inquirenti hanno sequestrato anche i cellulari dei familiari della bambina, ma non trovando alcuna traccia. Sono passati circa due mesi e Kata non è ancora ricomparsa. Le speranze diminuiscono giorno dopo giorno.