Vai al contenuto

Italia in lutto, addio alla figlia del grande statista

Italia in lutto, addio alla figlia del grande statista

Italia in lutto. È morta in una clinica di Roma la figlia di un grande statista. La donna, 77 anni, era malata da tempo. A dare la triste notizia è il figlio Luca, comunicata, poi, nell’aula di Palazzo Madama dal presidente Ignazio La Russa, chiedendo all’assemblea di osservare qualche attimo di silenzio. I funerali si svolgeranno in forma strettamente privata.

Leggi anche: Tragico lutto in Mediaset, addio per sempre alla famosa giornalista

Leggi anche: Camper va a fuoco e muoiono due persone, poi la scoperta: cosa c’era a bordo

grande statista

Morta a 77 anni la figlia del grande statista

L’ex senatrice Maria Fida Moro, primogenita del leader della Dc Aldo Moro, è morta in una clinica romana dove risiedeva da tempo, a Fiano Romano. È stata senatrice nella X legislatura, dal 1987 al 1992, eletta con la Dc e passata poi al gruppo di Rifondazione comunista come indipendente per approdare, infine, al gruppo misto. Nel 1993 si era candida come sindaca di Fermo con il Movimento Sociale Italiano partecipando alla costituzione di Alleanza Nazionale. Nel 2016, invece si è candidata al Comune di Roma come capolista di ‘Più Roma – Democratici e Popolari’ a sostegno di Roberto Giachetti.

I funerali della figlia di Aldo Moro, che fu ucciso dalle Brigate Rosse il 9 maggio 1978, si svolgeranno i forma strettamente privata. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Re Carlo, che malattia ha: cosa sappiamo del cancro

Screenshot 2024 02 07 alle 12.14.11 888x1024

Una vita in cerca della verità

Maria Fida Moro era nota per aver fatto molte dichiarazioni polemiche riguardanti il rapimento e l’assassinio del padre. Aveva accusato l’ex presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, nel 1978 ministro dell’Interno, di essere stato “corresponsabile” della morte dello statista democristiano. Ha raccontato la storia della sua famiglia nel libro “La casa dei cento Natali”, edito da Rizzoli. Suo figlio, Luca Moro, è l’amato nipote al quale Aldo Moro faceva riferimento nelle sue lettere dalla prigionia. La donna ha dedicato gran parte della vita alla ricerca della verità sull’assassino del padre e per questo aveva fondato l’Associazione Radicale “Sete di verità”.