Vai al contenuto

Governo Meloni, il nuovo piano pandemico: le previsioni da brividi

Governo Meloni, il nuovo piano pandemico: le previsioni da brividi

Il Governo e le Regioni stanno ultimando il nuovo Piano pandemico, in vigore dal 2024 al 2028. Il Piano non è ancora pronto ma alcuni passaggi contenuti nella bozza sono già di dominio pubblico. All’interno del documento, composto da 220 pagine, vi sono le linee guida da seguire in caso di pandemia. Molte indicazioni sono state riprese dal periodo di chiusure e restrizioni dovute ai contagi di Covid-19: un incubo per tutti gli italiani. Cosa prevede il Piano? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Kate Middleton, il vero motivo del ricovero della principessa

Leggi anche: Autobus va in fiamme: grande paura in Italia

meloni 683x1024

Cos’è il Piano pandemico

Tutte le indicazioni contenute nel Piano pandemico verranno applicate solo in caso di pandemia. Ciò significa che il documento resterà in disparte finché un virus possa diventare un pericolo per la popolazione. Il documento è diviso in cinque sezioni, dall’introduzione e la pianificazione fino alle varie fasi operative, i modi in cui valutare il rischio di una pandemia e come rispondere concretamente. La compilazione del piano è stata affidata soprattutto a tecnici, che hanno seguito anche le linee guida fissate dall’Oms in tema di pandemie. Quali misure sono contenute al suo interno? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Tragico incidente in Italia: ci sono morti e feriti

Leggi anche: Giovanna Pedretti, le ore prima della morte: il retroscena

piano pandemico 683x1024

Cosa contiene il Piano pandemico in vigore nei prossimi quattro anni

Molte delle misure riportate nel nuovo Piano pandemico ricordano quelle messe in atto dal Governo Conte durante la pandemia da Covid. Se quindi, nei prossimi quattro anni, dovesse scoppiare una nuova pandemia, il Governo potrebbe tornare a limitare le libertà individuali, come accaduto quattro anni fa. Dalle scuole ai negozi, dagli spostamenti tra Comuni all’obbligo di restare in casa, ma anche distanziamento e mascherina obbligatoria. La necessità di contenere il virus potrebbe portare all’imposizione di “limitazioni di distinti diritti e libertà fondamentali”. Potrebbero anche tornare anche i tanto temuti Dpcm, considerati lo “strumento centrale” per l’azione del governo in questa situazione. (Continua dopo le foto)

gel.mani  683x1024

Il Governo Meloni sui vaccini

Una volta scattato l’allarme pandemia sarà necessario tenere un “tracciamento sistematico dei contatti” insieme ad “accertamenti diagnostici estesi”, ovvero tamponi a tappeto per capire chi sta contagiando chi. Anche la “messa in quarantena”, scatterà in modo “tempestivo”. Per quanto riguarda i vaccini, il Governo Meloni afferma con fermezza che essi “rappresentano le misure preventive più efficaci con un rapporto rischio-beneficio significativamente favorevole”, si legge nella bozza. Di certo sarà necessaria una campagna vaccinale più efficace con un metodo di “comunicazione semplice” che contrasti la “disinformazione” e dia “risposte adeguate alle preoccupazioni e alle incertezze”.