Vai al contenuto

Fondo arabo PIF interessato al Milan: c’è dietro Maldini

Fondo arabo PIF interessato al Milan: c’è dietro Maldini

Voci insistenti vorrebbero il fondo sovrano saudita interessato all’acquisto del Milan. Dietro l’operazione con PIF ci sarebbe Paolo Maldini.

Per ora solo voci

Rimbalzano diversi voci per quanto riguarda una potenziale cessione del Milan. Più di preciso si parla di una vendita della maggioranza delle quote ad un fondo arabo, individuato nel PIF dello stato saudita. Il fondo statale degli arabi è lo stesso che possiede il Newcastle e potrebbe fare il salto anche nella nostra Serie A. Già in passato dal Bahrein erano arrivate offerte per il club rossonero, ma poi Investcorp non era riuscito a strappare il sì di Elliott nonostante una cospicua offerta sul piatto. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Milan, Pioli confermato: decisive le telefonate tra dirigenza e calciatori

Leggi anche: Inzaghi: “Infortunio Lautaro da valutare”

Cardinale stringe la mano a Pioli all'interno di Milanello
Il proprietario di RedBird e del Milan saluta Pioli davanti all’entrata di Milanello (Photo by Claudio Villa/AC Milan via Getty Images)

Cardinale ci pensa

Gerry Cardinale ha acquistato il Milan per rivalutarlo e poi rivenderlo incassando un lauto guadagno. La costruzione dello stadio e una serie di partnership commerciali sono i nodi fondamentali del suo progetto, pur sempre sotto l’egida della famiglia Singer che gli ha elargito un prestito di centinaia di milioni di euro. Cedere i rossoneri ora non avrebbe molto senso, a meno di offerte irrinunciabili. Dall’Arabia Saudita dovrebbe quindi arrivare una proposta tra 1,8 e 2 miliardi di euro per convincere il ricco magnate statunitense a lasciare il Milan. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Moncada, D'Ottavio e Furlani a bordo campo
Il capo scout del Milan Geoffrey Moncada, l’amministratore delegato Giorgio Furlani e il direttore degli spot Antonio D’Ottavio osservano la partita di Serie A TIM tra Milan e Monza allo Stadio Giuseppe Meazza (Foto di Claudio Villa/AC Milan via Getty Images)

Il potenziale progetto sportivo

Secondo alcune indiscrezioni, dietro al fondo saudita di sarebbe Paolo Maldini in veste di intermediario. La bandiera rossonera sarebbe pronta ad assumere un ruolo di primo piano nel nuovo Milan, magari anche da presidente. Gli arabi necessitano di una persona che dia credibilità al progetto e sono pronti a dare carta bianca all’ex difensore. Nel piano potrebbero anche rientrare Leonardo come direttore sportivo e Frederic Massara, legato con un filo diretto proprio a Maldini. Il budget per il mercato sarebbe superiore a quello risicato attuale, come si può notare dall’ultima campagna acquisti del Newcastle.

Leggi anche: Roma, 2-0 al Napoli: in gol Pellegrini e Lukaku

Argomenti