Vai al contenuto

Milan, Pioli confermato: decisive le telefonate tra dirigenza e calciatori

Milan, Pioli confermato: decisive le telefonate tra dirigenza e calciatori

Nonostante l’ennesima figuraccia in campo (contro la Salernitana) e il problema infortuni dilagante, il Milan ha deciso di confermare Stefano Pioli sulla panchina rossonera. Decisive le telefonate fatte dalla dirigenza ai giocatori di punta. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Mourinho: “Quarto posto possibile solo se…”

Leggi anche: Mazzarri: “Superiori fino all’espulsione”

Pioli prima del match
Stefano Pioli aspetta il fischio di inizio della gara del Milan (Photo by Fabrizio Carabelli/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)

La permanenza di Stefano Pioli sulla panchina del Milan sembra destinata a giungere al termine. A partire dalla prossima stagione, il club rossonero prenderà una nuova direzione tecnica, interrompendo la collaborazione con l’attuale allenatore, che ha ancora un anno di contratto con il Diavolo oltre a quello già in corso.

Il recente pareggio contro la Salernitana, ottenuto in extremis, sembrava già mettere in pericolo la sua posizione, soprattutto considerando l’emorragia di infortuni che affligge la squadra e che sembra inarrestabile (l’ultimo caduto è Tomori).

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Gerry Cardinale, visibilmente irritato, ha discusso a lungo con l’amministratore delegato Giorgio Furlani in una recente telefonata.

Telefonate dirigenza-calciatori

Nonostante la sfiducia diffusa, Stefano Pioli mantiene il comando della squadra, in parte a causa della mancanza di alternative valide e, sembra, grazie al peso decisivo delle opinioni dei giocatori del Milan. Pare che alcune chiamate fatte dalla dirigenza ai membri più influenti della rosa abbiano persuaso la proprietà a confermare la permanenza dell’allenatore emiliano.

Questa notizia risulta inaspettata in quanto, in diverse fasi della stagione, sembrava che non tutti i giocatori fossero solidali con Pioli. Espressioni facciali perplesse dopo le sostituzioni, segni di irritazione e la sensazione generale di un gruppo che si stava allontanando lentamente da un allenatore in difficoltà avevano lasciato intendere una situazione instabile. Tuttavia, le telefonate ai giocatori chiave hanno contribuito a confermare la posizione di Pioli sulla panchina del Milan.

Argomenti