Vai al contenuto

Lago di Martignano, una donna fa il bagno: poi la tragedia

Lago di Martignano, una donna fa il bagno: poi la tragedia

Ieri, lunedì 3 luglio 2023, una donna di 43 anni si trovava insieme alla famiglia in gita al Lago di Martignano all’altezza di Anguillara Sabazia, alle porte di Roma. La 43enne si trovava in spiaggia insieme al compagno, alla figlia di 3 anni e alla nipote di 16. Intorno alle 14:30 è scattato l’allarme: poi il tragico avvenimento. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: “È lei, la catenina è sua”: hanno ritrovato il cadavere, la scoperta choc

Leggi anche: Barbara d’Urso, interviene Luxuria: “Vi svelo la verità”

donna morta lago 683x1024

Lago di Martignano, donna fa il bagno poi muore, grave la nipote

I tragici fatti si sono verificati nel primo pomeriggio di ieri, lunedì 3 luglio, tra le 14.30 e le 15. Improvvisamente la donna, la figlia di 3 anni e la nipote, si sono sentite male. Secondo quanto riporta Fanpage, la famiglia si trovava in una spieggia senza assistenti bagnanti. Le tre sono state aiutate da altri turisti. Sul posto sono intervenuti il personale sanitario del 118 e i carabinieri della Stazione di Anguillara Sabazia. La 43enne però purtroppo è morta. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: “E’ il suo corpo”. Finite le speranze, la notizia è appena arrivata

Leggi anche: Francesca Pascale e Paola Turci, l’annuncio improvviso ad un anno dal matrimonio

donna muore lago 683x1024

Il motivo del decesso della donna

La bambina di tre anni ora sta bene ed è con il compagno della donna. La sedicenne invece, è stata soccorsa e trasportata al Policlinico Agostino Gemelli in codice rosso. Il corpo della 43enne, è stato trasferita in obitorio e verrà sottoposta ad esame necroscopico. Cosa le è successo? Le cause della morte sono ancora da chiarire: al momento si sospetta una congestione. Soltanto pochi giorni fa era accaduta un’altra tragedia a pochi passi dal lago di Martignano. (Continua dopo le foto)

lago martignano 683x1024

Trovato il cadavere di Angelo, il 19enne scomparso nel Lago di Bracciano

Ieri, dopo quattro giorni di ricerche i sommozzatori hanno ritrovato il corpo senza vita di Angelo Seeruttun, il diciannovenne scomparso nel Lago di Bracciano, anche lui all’altezza di Anguillara Sabazia. Lo scorso 29 giugno, il giovane si era tuffato in acqua e non era più risalito mentre era sul pedalò in compagnia della famiglia. Inizialmente chi era insieme a lui pensava che fosse uno scherzo, poi non l’hanno più visto riemergere e hanno dato l’allarme. Così sono scattate le ricerche, che sono terminate con il drammatico esito.