Vai al contenuto

Orrore per una donna di 37 anni: sepolta viva per 11 giorni

Orrore per una donna di 37 anni: sepolta viva per 11 giorni

Una donna è stata sepolta viva e 11 giorni dopo è stata riaperta la tomba: sembra che sia morta poco prima. Sul corpo aveva segni e lividi: Rosangela ha lottato per la sua sopravvivenza ma purtroppo non si è salvata. Alcune persone in visita al cimitero avevano sentito urla e colpi e hanno chiesto di indagare. Era Rosangela, nel disperato tentativo di uscire dalla sua tomba. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: “Vergogna”. Ryanair nell’occhio del ciclone: quanto fanno pagare a due anziani che sbagliano a fare il check-in

Leggi anche: Scontrino choc per due pizze e due birre, la cifra è folle: poi si scopre la verità

sepolta viva 683x1024

Donna sepolta viva, Rosangela è morta dopo 11 giorni di lotta

La protagonista di questa orribile vicenda è Rosangela Almeida dos Santos, una donna di 37 anni. La tragedia si è svolta in un cimitero a Riachao das Neves, nel nord-est del Brasile. Rosangela è stata trovata morta nella bara dopo che alcuni passanti avevano sentito colpi e urla. Il corpo era ancora caldo al momento del ritrovamento: ciò significa che per giorni la donna ha lottato per la vita ma sfortunatamente i soccorsi non sono arrivati in tempo. Nella bara, sono state trovate tracce di sangue recente e la salma presentava ferite ai polsi, alla testa e alle mani provocate nel disperato tentativo di uscire dal sepolcro. La bara era graffiata: la donna ha tentato di tutto per salvarsi. Perché Rosangela è stata sepolta viva? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Meteo, la tremenda notizia per il weekend: cosa succederà in Italia

Leggi anche: Tragedia alla sagra di paese: ragazza di 23 anni si sente male e muore

rosangela sepolta viva 683x1024

Perché la donna è stata sepolta viva

Rosangela era stata ricoverata all’Hospital do Oeste di Barreiras: si era presentata nella struttura con grave stanchezza e i medici hanno deciso di tenerla in osservazione per una settimana. Durante il ricovero, la donna ha avuto due arresti cardiaci prima di morire per choc settico, secondo il suo certificato di morte. A quanto pare si sarebbe trattato di un errore di valutazione medico. La donna soffriva di svenimenti da quando aveva sette anni e avrebbe assunto farmaci anticonvulsivanti, fa sapere il Mirror.