Vai al contenuto

“Vergogna”. Ryanair nell’occhio del ciclone: quanto fanno pagare a due anziani che sbagliano a fare il check-in

“Vergogna”. Ryanair nell’occhio del ciclone: quanto fanno pagare a due anziani che sbagliano a fare il check-in

Una recente vicenda all’aeroporto ha gettato Ryanair nell’occhio del ciclone, attirando l’attenzione sulla politica della compagnia aerea per quanto riguarda i costi e i servizi al check-in. In particolare, una coppia di anziani è stata costretta a sborsare una cifra considerevole per un errore apparentemente innocuo.

Leggi anche: Barbara D’Urso e Pier Silvio Berlusconi, è guerra aperta tra i due: cosa sta succedendo

Leggi anche: Tragedia alla sagra di paese: ragazza di 23 anni si sente male e muore

Ryanair: problemi al check-in

Ryanair, una delle compagnie aeree a basso costo più note d’Europa, è spesso al centro di dibattiti e controversie per la sua politica di prezzi, servizi e condizioni per i passeggeri. In questo caso, il focus è caduto sul processo di check-in online, un passo essenziale prima di imbarcarsi. La compagnia richiede che tutti i passeggeri effettuino il check-in online prima di arrivare all’aeroporto, ricevendo le carte d’imbarco tramite email o SMS 24 ore prima della partenza. Questa pratica mira a semplificare il processo e a ridurre i tempi d’attesa in aeroporto. Tuttavia, anche i viaggiatori più esperti possono incappare in errori, e la storia della coppia di anziani Ruth Jaffe, 79 anni, e Peter Jaffe, 80 anni, ne è un esempio lampante. I due stavano preparandosi per un volo da Londra a Bergerac, in Francia, quando hanno scoperto di aver effettuato il check-in online solo per il viaggio di ritorno, trascurando quello di andata. L’errore apparentemente innocuo ha scatenato un costo significativo. Una volta giunti in aeroporto, la coppia è stata informata che avrebbe dovuto pagare la somma di 110 sterline, pari a circa 130 euro, per effettuare il check-in in loco e stampare le carte d’imbarco. La reazione di Ruth Jaffe è stata di indignazione e disgusto di fronte a un addebito così elevato per quello che considerava un errore comune. La figlia della coppia ha condiviso l’esperienza sui social media, aggiungendo la parola “Vergogna” diretta alla compagnia aerea.

Leggi anche: Panico in aereo, pilota muore dopo il decollo: cos’è successo poi

Leggi anche: Tv in lutto, addio all’amata star: il suo aereo è precipitato

aereo 2 778x1024

La Risposta di Ryanair

La vicenda ha rapidamente catturato l’attenzione dell’opinione pubblica e ha spinto Ryanair a rispondere. La compagnia ha riconosciuto che il processo di check-in online è un requisito fondamentale, sottolineando che tutti i passeggeri devono aderire a questa pratica prima di arrivare in aeroporto. Ryanair ha chiarito che invia notifiche tramite email o SMS per ricordare ai passeggeri di effettuare il check-in. Nella risposta, la compagnia ha espresso dispiacere per il fatto che i passeggeri in questione abbiano ignorato il messaggio e non abbiano rispettato il procedimento richiesto.