Vai al contenuto

De Rossi: “Se giochiamo bene non è merito mio”

De Rossi: “Se giochiamo bene non è merito mio”

Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida di campionato contro la Salernitana. Daniele De Rossi ha parlato della propria esperienza da allenatore della Roma e dell’impatto che potrebbe aver avuto dal giorno del suo insediamento: “Un ritiro precampionato e un lasso di tempo più lungo ti aiuta tanto a far entrare prima i concetti che vorresti dare. Il merito è dei ragazzi. Chi mi conosce sa che nessuno può toccarmi i miei ragazzi della Spal: continuo a sentirli, con loro ci ho messo un po’ di più a fare entrare i miei concetti, qui a Roma sembra che siano i giocatori che li hanno fatto entrare dentro di me”.

Leggi anche: Buona la prima per De Rossi: Roma batte Verona 2-1

Leggi anche: De Rossi: “Mi giocherò la conferma fino alla morte”

De Rossi ha anche chiarito che, al contrario di quanto accaduto a Ferrara, qui alla Roma quando viene spiegata qualcosa i giocatori si dimostrano subito recettivi e pronti, ma che il “bel gioco” dimostrato in queste prime uscite sotto la sua gestione sono merito dei calciatori, oltretutto allenati da un tecnico esperto come Mourinho per tre anni. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Daniele De Rossi
Daniele De Rossi, allenatore della Spal, osserva prima del calcio d’inizio della partita di Coppa Italia tra Genoa CFC e Spal allo Stadio Luigi Ferraris il 18 ottobre 2022 a Genova. (Foto di Simone Arveda/Getty Images)

Le condizioni degli infortunati della Roma

Riguardo alle condizioni di Dybala, Huijsen, Mancini e Aouar, Daniele De Rossi si è espresso chiaramente: “Paulo mi è sembrato che stesse bene, si è allenato al 100% con gli altri e lo vedo meglio rispetto alla prima settimana. Dean riproverà ma penso che partirà con noi senza problemi. Mancio sta bene, Aouar ha riposato poco, ma è comunque attivo e lo reputo prontissimo per giocare”

Riguardo alle nuove gerarchie da quando è diventato allenatore della Roma, De Rossi ha affermato di aver già stabilito che sarà Rui Patricio il portiere titolare. Per quanto concerne i lungodegenti in infermeria, il tecnico giallorosso ha affermato: “Smalling, Renato Sanches e Kumbulla stanno facendo il loro percorso e vengono quotidianamente monitorati. Mi sembrano abbastanza sciolti nei movimenti, penso che già la prossima settimana torneranno a fare qualcosa con noi, ma non so darvi una data precisa”.

Argomenti