x

x

Vai al contenuto

Piccola Kata, l’annuncio del generale riempe i cuori di speranza

Piccola Kata, l’annuncio del generale riempe i cuori di speranza

Kata, la bimba peruviana di 5 anni, è scomparsa nel primo pomeriggio del 10 giugno 2023 dal cortile dell’ex hotel Astor di Firenze, in via Maragliano, dove viveva con la famiglia insieme ad oltre un centinaio di persone che avevano occupato la struttura. Da quel momento in poi di lei si sono perse completamente le tracce. Ovviamente le indagi proseguono e le Forze dell’Ordine sono al lavoro ogno giorno per cercare di scoprire la verità. Luciano Garofano, ex generale del Ris di Parma, consulente della famiglia della piccola Kata, ha parlato della scomparsa della bambina, su Fanpage.it. Vediamo che cosa ha dichiarato. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Kata scomparsa, uno degli indagati confessa: cosa c’era nei borsoni

Leggi anche: Kata scomparsa, la drammatica notizia sul padre

Leggi anche: Kata scomparsa, svolta choc nel caso: chi sono indagati ora

Leggi anche: “Una luce nel buio”: Kata, nuova svolta nel caso: dove si troverebbe

Caso Kata, l’annuncio del generale riempe i cuori di speranza

Luciano Garofano, ex generale del Ris di Parma, ha risposto alle domande di Fanpage.it riguardo la scomparsa della piccola Kata. Garofano, consulente dei genitori della bambina, ha dichiarato: “Se sono ancora fiducioso? Sì, continuo a credere che la bambina sia viva”. L’ex generale, insieme ai genitori della bambina e ai loro legali, Sharon Matteoni e Filippo Zanasi, è tornato a fare un sopralluogo nell’ex hotel Astor, dove Kata viveva con la madre: “Abbiamo fatto alcune osservazioni, abbiamo segnalato ai carabinieri alcuni approfondimenti da farsi di cui non posso parlare. Al momento non abbiamo nessun esito relativo agli approfondimenti richiesti, tranne che la signora Katherine, la mamma della bambina, quello stesso pomeriggio è stata sentita dagli inquirenti ma quello che è stato oggetto di questo ulteriore interrogatorio non ci è consentito dirlo”. (Continua a leggere dopo la foto)

Per Garofano la bimba è viva

Sui risultati degli esami genetici, condotti dal professore Ugo Ricci, secondo cui non sono di Kata le tracce di sangue nei rubinetti della stanza 104 dell’ex hotel Astor e le tracce su borsoni e trolley sequestrati ai cinque indagati, Luciano Garofano ha dichiarato che sembrano risultati neutri. Poi ha aggiunto: “Magari avessi la soluzione di questo caso, ma continuo a credere che la bambina sia viva, non chiedetemi perché, e che si possa arrivare a questa soluzione”. Parole che ridanno speranza alla famiglia della bambina che ormai è scomparsa da oltre due mesi.