Vai al contenuto

Bimba di 16 mesi muore in casa: poi la terribile scoperta sulla madre

Bimba di 16 mesi muore in casa: poi la terribile scoperta sulla madre

Una tragica storia ha sconvolto la comunità di Cleveland, in Ohio, dopo la morte di una bambina di 16 mesi che è stata abbandonata per ben 10 giorni in casa, mentre la madre era in vacanza. La piccola Jailyn è stata trovata senza vita al ritorno della madre, Kristel Candelario, che è stata immediatamente arrestata e accusata di omicidio.

Leggi anche: Sommergibile disperso, la drammatica notizia poco fa

Leggi anche: Sommergibile Titan, esce fuori la drammatica verità: “Come sono morti realmente”

alessia diana pifferi 4 804x1024

Bambina abbandonata e morta

La terribile scoperta è stata fatta dall stessa Candelario, al suo rientro dal viaggio. Non sono stati riscontrati segni evidenti di trauma sul corpo della bambina, ma l’autopsia eseguita dall’ufficio del medico legale della contea di Cuyahoga ha rivelato che Jailyn era stata lasciata sola e incustodita per circa 10 giorni, causando la sua morte. Il corpo esanime della piccola presentava segni di forte disidratazione e stenti. La madre, senza preoccuparsi di affidare la figlia alle cure di parenti o amici, aveva deciso di partire per una vacanza tra Puerto Rico e Detroit. Al suo ritorno, il 16 giugno, ha fatto la tragica scoperta della morte della sua bambina. La comunità locale è rimasta sconvolta da questo triste evento, soprattutto i vicini di casa che erano molto affezionati a Jailyn. In diverse occasioni, avevano preso cura della piccola e una donna ha rivelato che la madre spesso affidava la bambina alle cure della nonna.

Leggi anche: Sottomarino scomparso, Re Carlo sotto choc: chi c’era a bordo

Leggi anche: Incidente di Roma, nel video spunta fuori la verità: cos’è successo veramente

Kristel Candelario 674x1024

Arrestata la madre per omicidio

La notizia di questa morte tragica e prematura richiama alla mente il caso della piccola Diana, la cui storia ha scosso l’opinione pubblica alcuni anni fa. Anche in quel caso, una madre aveva lasciato morire la sua bambina nella culletta senza preoccuparsi delle sue necessità primarie. Questi eventi mettono in evidenza l’importanza di fornire un ambiente sicuro e amorevole per i bambini e di affidarli alle cure adeguate quando si è impossibilitati a prendersene cura personalmente. L’arresto della madre, Kristel Candelario, rappresenta un passo significativo nell’indagine su questa tragica vicenda. Le autorità stanno raccogliendo ulteriori prove e testimonianze per comprendere appieno le circostanze che hanno portato alla morte della piccola Jailyn. È importante che la giustizia sia fatta e che coloro che sono responsabili di atti così orribili siano portati davanti alla legge. La comunità locale è profondamente scossa e si stringe attorno alla memoria di Jailyn, una bambina innocente che ha subito una fine così tragica. Questo evento serve anche come monito per promuovere una maggiore consapevolezza sui diritti dei bambini e sull’importanza di garantire il loro benessere e la loro sicurezza. Le indagini sull’omicidio di Jailyn proseguono, mentre la comunità cerca di elaborare questa dolorosa perdita e di trovare conforto