x

x

Vai al contenuto

Whatsapp, cambia tutto dall’11 Aprile: cosa succede

Whatsapp, cambia tutto dall’11 Aprile: cosa succede

L’app di messaggistica più famosa e usata nel mondo si appresta a rinnovarsi. Dall’11 aprile Whatsapp va incontro ad alcuni cambiamenti. Ad annunciarlo è il blog ufficiale dell’app della galassia Meta di proprietà di Mark Zuckerberg. La piattaforma deve adeguarsi alle normative europee, tra le principali novità c’è l’interoperabilità, i nuovi meccanismi di trasferimento dei dati internazionali e l’età minima per iscriversi. Vediamo tutto ciò che sta oer succedere.

Leggi anche: Crociera da incubo per i passeggeri: “La tempesta ha travolto la nave”

Leggi anche: Tragico incidente in moto, Giuseppe muore a soli 28 anni

Whatsapp, cambia tutto dall’11 Aprile

Whatsapp, deve adeguarsi ai due nuovi regolamenti dell’UE, il Digital Services Act e il Digital Markets Act. L’obiettivo è promuovere la concorrenza e la trasparenza, per farlo la piattaforma ha aggiornato i suoi Termini di Servizio e la sua Informativa sulla Privacy per gli utenti dell’Unione europea: “Aggiungeremo ulteriori informazioni ai nostri Termini in merito a linee guida e normative, che illustrano che cosa è consentito e che cosa non lo è su WhatsApp“, ha spiegato la piattaforma.

I cambiamenti saranno attivi per tutti a partire da giovedì 11 aprile: chi si è iscritto a WhatsApp dopo il 15 febbraio scorso li ha già accettati all’attivazione dell’app, mentre chi era già iscritto riceverà probabilmente una notifica informativa in questi giorni. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Il noto Dj morto nella Ferrari in fiamme nell’incidente in autostrada: aveva 40 anni

Cambia l’età minima

In base ai nuovi requisiti UE gli utenti potranno inviare messaggi da WhatsApp ad app di terzi supportate come Signal o Telegram. Dovrebbe comparire nel menù delle Impostazioni una sezione dedicata alle Chat di Terze parti che potranno essere disattivate se l’utente preferisce non utilizzarle. Per implementare questa nuova funzione però potrebbe servire tempo, la richiesta di apertura non dev’essere inoltrata da WhatsApp ma dalle app più piccole, e dalla richiesta all’accettazione possono passare 3 mesi.

Saranno anche modificati i meccanismi di trasferimento dei dati internazionali, basati sul nuovo EU-US Data Privacy Framework (Framework sulla privacy dei dati UE-Stati Uniti) perché “per gli utenti della regione europea ci baseremo sul nuovo EU-US Data Privacy Framework”, cosa che dovrebbe meglio proteggerli da occhi indiscreti. Cambierà l‘età minima per iscriversi su WhatsApp, passerà da 16 a 13 anni come negli Stati Uniti. “Questo aggiornamento garantirà requisiti sull’età minima coerenti a livello globale per WhatsApp”, hanno spiegato dall’azienda. (continua dopo la foto)

Altre modifiche

Per quanto riguarda i Canali, invece, saranno introdotte linee guida specifiche, con limiti di iscrizione e moderazione dei contenuti per contrastare la disinformazione e assicurare un ambiente sicuro e inclusivo. “Se l’utente sceglie di utilizzarli, illustreremo in che modo si applicano le relative linee guida, come segnalare i contenuti e inviare un ricorso contro le decisioni e le modalità con cui vengono suggeriti i Canali” si legge nel blog ufficiale.