Vai al contenuto

Scheletro di una donna trovato nel parco: la novità

Scheletro di una donna trovato nel parco: la novità

È stato trovato lo scheletro di una donna durante i lavori in un parco. Il ritrovamento è avvenuto circa un mese fa, ma la donna non ha ancora un nome. Sappiamo, però, che il decesso è avvenuto da circa un anno e che la donna almeno una volta nella sua vita ha partorito. Adesso, dunque, si cerca il figlio. (Continua…)

Leggi anche: Michelle Causo, l’annuncio da brividi del killer al Gip: cosa ha fatto prima di ucciderla

Leggi anche: Gioco tra ragazzi si trasforma in tragedia: uno è gravissimo

scheletro donna 683x1024

Scheletro donna Pigneto

Lo scorso 1° luglio è stato trovato lo scheletro di una donna all’interno del parco su via Ettore Fieramosca al Pigneto, quadrante Est della Capitale. È passato quasi un mese, ma la donna non ha ancora un mese. Nel frattempo, però, abbiamo scoperto nuovi dettagli. La donna sarebbe morta più o meno un mese fa e almeno una volta nella sua vita ha partorito. Per questo motivo si cerca il figlio della donna. Il caso è seguito dalla sostituta procuratrice Giulia Guccione. (Continua…)

Leggi anche: Porta il cadavere dello zio alle poste: il motivo è folle

Leggi anche: Italia, onda anomala sulla spiaggia: bagnanti in fuga

scheletro donna 1 683x1024

Scheletro donna Pigneto: l’ipotesi

Nei giorni successivi al ritrovamento del corpo, gli inquirenti avevano pensato che lo scheletro potesse appartenere ad Andrea Rabciuc, 27enne di origini romene scomparsa a Jesi nel marzo del 2022 dopo una festa con alcuni amici. La procura di Ancona, così come la famiglia di Andrea, ha però escluso che possa essere lei. Nel frattempo ovviamente il fascicolo della Procura di Roma è ancora aperto. Gli inquirenti vogliono innanzitutto dare un nome allo scheletro della donna e poi capire come sia finito lì. (Continua…)

parco roma 683x1024

Scheletro donna Pigneto: cosa aveva con lei

Accanto allo scheletro della donna c’erano alcuni oggetti: un giubbotto verde smanicato marca “Mustard”, uno zainetto marca “Love Denny Rose”, un accendino con l’effige di Che Guevara, una collanina con un crocifisso e alcuni elastici per capelli. Tali oggetti, però, al momento non sono stati utili per dare un nome e un volto alla donna ritrovata nel parco.