Vai al contenuto

Sarri: “Segnali positivi, ma rammarico per il risultato”

Sarri: “Segnali positivi, ma rammarico per il risultato”

Il tecnico della Lazio Maurizio Sarri ha commentato il pareggio rimediato contro la Lazio ai microfoni di Dazn. La vittoria è sfumata a causa del pareggio di Henry nella ripresa, replicando all’iniziale vantaggio biancoceleste di Zaccagni. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Inter senza turn over: Arnautovic e Sanchez a secco in A

Leggi anche: Eurolega, sconfitta per la Virtus Bologna: vince il Pana 90-76

Sarri in panchina
Sarri in panchina durante la gara vinta dalla Lazio contro il Feyenoord all’Olimpico (Getty Images)

Cosa non funziona nella Lazio

Maurizio Sarri ha commentato il pareggio rimediato dalla Lazio contro l’Hellas Verona. Queste le sue dichiarazioni ai microfoni di Dazn: “Abbiamo fatto una buona partita, su buoni livelli, avuta in mano dall’inizio alla fine, dispiace per il risultato. Penso che non abbiamo preso neanche un tiro in porta, perché all’episodio del gol era palese che Ngonge voleva crossare. Ci rimane il rammarico per non averla chiusa perché ci sono capitate tante occasioni e ripartenze in superiorità numerica che non abbiamo sfruttato. Oggi la gestione del vantaggio era serena, ci è mancata quella facilità di andare in gol che avevamo gli anni scorsi con cui probabilmente, nonostante gli episodi, avremmo vinto 3-1. Segnali positivi oggi ne ho visti tanti, rimane questa grossa amarezza per il risultato“.

Problemi in attacco

Sarri ha commentato i mancati gol dell’attacco affermando che tutti gli uomini si stanno impegnando. Ha notato che Felipe, nonostante le difficoltà stagionali, gli è sembrato più vivace oggi. Ha sottolineato che fisicamente ha ancora le stesse prestazioni degli anni precedenti, attribuendo le difficoltà a un problema di persistente affaticamento. Il momento attuale implica una sfida nel trasformare la supremazia di gioco in gol, e Sarri ritiene che persistere sia l’unica soluzione, sperando che i giocatori possano ritrovare la loro prolificità.

Leggi anche: Gattuso “attacca” un proprio giocatore: tutto uno scherzo

Argomenti