x

x

Vai al contenuto

Inter-Salernitana finisce 4-0: LuLa show, Inzaghi è in fuga

Inter-Salernitana finisce 4-0: LuLa show, Inzaghi è in fuga

Tutto semplice per Inzaghi che liquida la Salernitana con un secco 4-0 e manda un segnale forte al campionato e alle inseguitrici.

Inter e Salernitana si sfidano a San Siro, dirige Piccinini

L’anticipo di giornata ha visto l’Inter sfidare la Salernitana, fanalino di coda, allo stadio Giuseppe Meazza. Un testa-coda di classifica che ha regalato spettacolo e gol a valanga. L’Inter si schiera con un 3-5-2 con Sommer in porta, Pavard, de Vrij e Bastoni in difesa, Dumfries, Barella, Calhanoglu, Mkhitaryan e Carlos Augusto a centrocampo e Lautaro e Thuram confermatissimi in attacco. La Salernitana risponde con un 3-4-2-1 con Ochoa tra i pali, Pasalidis, Boateng e Pellegrino in difesa, Sambia, Coulibaly, Basic e Zanoli a centrocampo, Tchaouna e Candreva alle spalle dell’unica punta Dia. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Donne e motori: chi sono le fidanzate e mogli (bellissime) dei piloti di Formula 1

Leggi anche: Mbappe lascia il PSG, il sostituto potrebbe arrivare dalla Serie A: nel mirino tre top player

Giocatori dell'Inter in campo
Denzel Dumfries, Alessandro Bastoni e Stefan De Vrij (Foto di Francesco Scaccianoce/Getty Images)

Momenti clou dello scontro tra Inter e Salernitana

L’Inter parte forte, Bastoni e Barella sfiorano il gol, colpendo rispettivamente il palo e la traversa nei primi minuti di gioco. Ma è Thuram a rompere gli indugi al 17′, portando in vantaggio i nerazzurri. Lautaro raddoppia due minuti dopo, e Dumfries chiude il primo tempo con un terzo gol al 40′. La Salernitana non riesce a reagire, e l’Inter va al riposo con un netto vantaggio che di fatto ha posto già il punto sulla sfida. I campani per tutto il primo tempo stentano a trovare gli spazi, dimostrando di non essere ancora usciti dalla crisi nonostante il cambio di allenatore.

La ripresa inizia con l’Inter che mantiene il controllo del gioco, ma con ritmi meno intensi rispetto al primo tempo. Barella ci prova da fuori area, ma la palla finisce a lato. L’Inter ha un’occasione con un cross di Carlos Augusto, ma Ochoa devia in angolo. Lautaro colpisce di testa da corner, ma la palla finisce alta. Candreva, ex della sfida,  calcia una punizione, ma il tiro finisce sul fondo. Barella lancia per Carlos Augusto, ma Sambia prolunga di testa in angolo. Da corner, Pavard svetta in area, ma non riesce a inquadrare lo specchio. Inzaghi sostituisce Mkhitaryan con Klaassen, Thuram con Sanchez e Lautaro con Arnautovic. L’Inter continua a premere e guadagna altri angoli in sequenza che mettono sotto pressione i campani. Da corner, de Vrij gira di testa, ma Ochoa respinge. Dia lascia il campo a favore di Weissman e Legowski prende il posto di Coulibaly. Dumfries crossa dalla destra, ma il tiro di Sanchez viene deviato in angolo da Pasalidis. Spazio anche per Asllani che subentra ad uno stanco Calhanoglu, comunque tra i migliori in campo anche questa sera. Zanoli prova a fare una percussione, ma Tchaouna vanifica con un cross sbagliato. 
Bastoni viene sostituito da Buchanan e Carlos Augusto scala dunque in difesa per un’Inter più coperta. Barella lancia in profondità per Arnautovic che segna, ma il gol viene annullato per fuorigioco. Asllani lancia per Buchanan che crolla in area, ma l’arbitro gli fa cenno di rialzarsi e non concede il calcio di rigore. Da corner ancora Pavard ci prova in rovesciata, ma l’arbitro fischia gioco pericoloso. Nel finale c’è gloria anche per Arnautovic che segna il gol del 4-0 su assist di Sanchez chiudendo la festa nerazzurra. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Lautaro Martinez esultanza
Lautaro Martinez festeggia sotto la Curva nord dopo la rete messa a segno (Getty Images)

I prossimi appuntamenti di Inter e Salernitana

La posizione in classifica delle due squadre post partita è invariata, con l’Inter rimasta prima in classifica e la Salernitana rimasta ventesima in classifica. Ecco le prossime gare in calendario:

Inter
– 25 febbraio contro il Lecce a Lecce (Serie A)
– 28 febbraio contro l’Atalanta a Milano (Serie A)
– 4 marzo contro il Genoa a Milano (Serie A)

L’Inter giocherà il 20 febbraio contro Atlético de Madrid a Milano in UEFA Champions League
L’Inter giocherà il 13 marzo 3 contro Atlético de Madrid a Madrid in UEFA Champions League

Salernitana
– 24 febbraio contro il Monza a Salerno (Serie A)
– 2 marzo contro l’Udinese a Udine (Serie A)
– 10 marzo contro il Cagliari a Cagliari (Serie  A)

Tabellino della gara

Marcatori: 17′ Thuram, 19′ Martinez, 40′ Dumfries, 45′ st Arnautovic

Inter (3-5-2): Sommer; Pavard, De Vrij, Bastoni (33′ st Buchanan); Dumfries, Barella, Calhanoglu (22′ st Asllani), Mkhitaryan (15′ st Klaassen), Carlos Augusto; Thuram (15′ st Sanchez), Lautaro Martinez (15′ st Arnautovic). A disp.: Di Gennaro, Audero, Bisseck, Dimarco, Darmian, Stankovic, Frattesi. All.: Inzaghi

Salernitana (3-4-2-1): Ochoa; Pellegrino, Boateng (24′ Maggiore), Pasalidis; Sambia, Basic, Coulibaly (19′ st Legowski), Zanoli (38′ st Kastanos); Candreva; Tchaouna (38′ st Simy), Dia (19′ st Weissman). A disp.: Costil, Allocca, Manolas, Martegani, Gomis, Vignato. All.: Liverani

Le dichiarazioni di Inzaghi

Simone Inzaghi molto soddisfatto della prestazione e della goleada interista a San Siro. Ecco le parole del mister al termine della gara contro la Salernitana: “I ragazzi sono stati bravissimi, abbiamo approcciato la gara nel migliore dei modi. La Salernitana aveva creato problemi a tantissime squadre, continuiamo nel nostro percorso che sarà molto lungo. Ero abbastanza sereno, la squadra aveva recuperato bene. Ho fatto tre cambi rispetto a sabato, avrei potuto farne di più, ma i ragazzi erano recuperati e focalizzati sulla partita“.

Leggi anche: Zeman, nuovo ricovero per l’allenatore: come sta

Argomenti