Vai al contenuto

Il Ranking UEFA deciderà le qualificate al Mondiale per Club

Il Ranking UEFA deciderà le qualificate al Mondiale per Club

La FIFA si affiderà al ranking UEFA per decidere quali squadre potranno partecipare al nuovo Mondiale Club che prevede una formula particolare. Facciamo il punto.

Il Consiglio Fifa ha decretato che il ranking Uefa determinerà le qualificate al Mondiale per club che si disputerà tra giugno e luglio 2025. Le europee sono 12, già sicura del posto l’Inter, insieme a Real Madrid, Manchester City, Chelsea, Bayern Monaco, PSG, Benfica e Porto. Si giocano il posto Borussia Dortmund e Lipsia e Barcellona e Atletico Madrid. Sfida serrata anche tra Juve, Napoli e Lazio. Fuori dalla UEFA troviamo l’Urawa Reds (Giappone), il Wydad Casablanca, il Leon (Messico), i Seattle Sounders (Stati Uniti), il Palmeiras e il Flamengo (Brasile) e l’Al-Hilal (Arabia Saudita). (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Il Napoli rialza la testa: Mazzarri ritrova Osimhen e Kvara

Leggi anche: Inter, Cuadrado out: spuntano i nomi di Tiago Djaló e Buchanan

Barella anticipa l'avversario
Mikel Merino della Real Sociedad e Nicolò Barella si contendono il pallone durante la partita di Champions (Foto di Francesco Scaccianoce/Getty Images)

La seconda italiana

La Juve ha un ranking più altro rispetto a Napoli e Lazio e questo è un vantaggio non indifferente. Mazzarri dovrebbe arrivare in semifinale oppure ai quarti vincendo andata e ritorno degli ottavi e almeno una partita dei quarti. Sarri invece deve addirittura alzare la Champions League per andare al Mondiale. Verosimilmente la previsione è che Inter e Juventus, rivali anche per lo scudetto in questa stagione, saranno le italiane negli Stati Uniti. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Rrhamani contro Bellingham
Bellingham crossa dal fondo marcato da Rrrahmani (Photo by David S. Bustamante/Soccrates/Getty Images)

Le polemiche

IL Mondiale per club 2025 si disputerà dal 15 giugno al 13 luglio 2025 negli Stati Uniti. Impegnate ben 32 squadre provenienti da tutto il mondo, un fattore che ha provocato molte polemiche. Nel mirino c’è lo stato di salute dei giocatori, chiamati a saltare le vacanze e a rischiare infortuni per le troppe gare giocate in stagione. Il sindacato calciatori Fifpro ha sottolineato il diritto a 28 giorni di ferie tra le stagioni. Alcuni giocatori potrebbero arrivare a giocare più di 80 partite nella stagione 24-25. A questo va aggiunta la prospettiva dell’annata successiva quando il Mondiale a 48 squadre, praticamente porterà quasi a raddoppiare le partite estive, passando dalle 64 del Qatar alle 104 del Mondiale americano.

Leggi anche: Il Genoa ferma la Juventus 1-1: ora l’Inter può scappare

Argomenti