Vai al contenuto

Il Napoli rialza la testa: Mazzarri ritrova Osimhen e Kvara

Il Napoli rialza la testa: Mazzarri ritrova Osimhen e Kvara

Walter Mazzarri ritrova la vittoria dopo una serie di sconfitte con il suo Napoli. Tornano ad essere decisivi sia Osimhen che Kvaratskhelia, entrambi in rete.

Riecco la vittoria

Il Napoli ritorna alla vittoria dopo un periodo negativo. Le sconfitte contro Juventus e Inter hanno tagliato fuori i partenopei dalla lotta scudetto. I tre punti sofferti contro un ottimo Cagliari permettono alla squadra di rimettersi in carreggiata per la qualificazione in Champions League e a Mazzarri di scaricare un po’ di tensione delle ultime settimane. Ai rossoblu va dato il merito di averci creduto fino alla fine, pareggiando prima con Pavoletti e poi sfiorando nuovamente il gol con Dossena. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Verso Milan-Monza: la probabile formazione di Pioli

Leggi anche: Lecce-Frosinone 2-1: decisivo Ramadani nel finale

Raspadori
Giacomo Raspadori e Kvaratskhelia in azione (Foto di Andrea Staccioli/Insidefoto/LightRocket via Getty Images)

Una partita combattuta

Pochi spazi per il Napoli in avvio di gara, fino a quando Kvara si inventa un cross con Osimhen che però non arriva sul pallone. Risponde Augello con un tiro di destro deviato da Di Lorenzo. Natan sale anche se il ruolo da terzino non è proprio il suo mestiere. L’intesa con il georgiano non è il massimo e si fa sentire la mancanza di un terzino fluidificante tra i titolari a sinistra. Politano e Di Lorenzo invece macinano gioco e permettono l’inserimento delle mezzali. Rrahmani colpisce un palo, Meret salva invece su Nandez. I rossoblu rispondono colpo su colpo, anche dal punto di vista dei falli: tanto che l’arbitro è costretto a estrarre diversi cartellini. Nella ripresa Mazzarri passa al caro vecchio 3-5-2 e risultati arrivano. Prima Osimhen trova il vantaggio con un colpo di testa imperioso. Ma la gioia dura poco perché una disattenzione dei partenopei in difesa permette al solito Pavoletti di acciuffare il pareggio. Pochi minuti dopo è Kvara a salvare il Napoli dopo un’azione personale di Osimhen di forza. Esultanta rabbiosa del georgiano, molto criticato negli ultimi tempi. Osimhen esce per un problema all’inguine e l’ultima occasione capita a Dossena che sfiora il pareggio a tempo scaduto. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Osimhen e Di Lorenzo festeggiano
I giocatori del Napoli esultano al gol di Osimhen (Photo by Ivan Romano/Getty Images)

Le parole dei protagonisti

Walter Mazzarri soddisfatto al termine della gara vinta contro il Cagliari: “Era importantissimo vincere per ripartire – ha detto il tecnico toscano – perché non farlo avrebbe tolto certezze a questa squadra che solo pochi mesi ha vinto lo scudetto e ora sta provando a ritrovarsi. Giocando come facciamo noi c’è bisogno di terzini che sappiano dialogare con le ali e Kvara ha sicuramente risentito dell’assenza di Mario Rui, quindi il rientro di quest’ultimo è fondamentale“. Ranieri invece ha sottolineato che molti giocatori del Cagliari sono in ritardo di condizione o rientranti da infortuni. Ha aggiunto inoltre che l’obiettivo è quello di salvarsi e ha affermato che il suo lavoro sarà considerato completo quando avrà salvato quella squadra. Grandi elogi anche per i marcatori del Napoli.

Tabellino della gara

Marcatori: 69′ Osimhen (N), 72′ Pavoletti (C), 75′ Kvaratskhelia (N)

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Natan (58′ Mario Rui); Anguissa, Lobotka, Cajuste (58′ Raspadori ); Politano (89′ Zanoli), Osimhen (82′ Gaetano), Kvaratskhelia (89′ Lindstrom). All. Mazzarri.

CAGLIARI: (4-4-2): Scuffet; Nandez (68′ Zappa), Goldaniga (79′ Lapadula), Dossena, Augello; Oristanio (68′ Luvumbo), Makoumbou, Prati , Jankto (46′ Obert); Pavoletti, Petagna (46′ Deiola). All. Ranieri.

Arbitro: Marcenaro

Ammoniti: Osimhen (N), Goldaniga (C), Pavoletti (C), Rrahmani (N), Augello (C), Mario Rui (N), Politano (N), Anguissa (N)

Espulsi: nessuno

Leggi anche: Il Genoa ferma la Juventus 1-1: ora l’Inter può scappare

Argomenti