Vai al contenuto

Punto da un insetto in casa viene trovato morto poco dopo: vicenda choc in Italia

Punto da un insetto in casa viene trovato morto poco dopo: vicenda choc in Italia

La cronaca nera ci conduce a Spilimbergo, nel cuore di Pordenone, dove la puntura di un calabrone ha scatenato una catena di eventi che ha portato alla morte di Gilberto Trambaiollo, ex assessore di 75 anni. Ecco cosa è successo.

Leggi anche: Giulia Tramontano, la scoperta choc dei carabinieri sul fidanzato

Leggi anche: “Chi l’ha visto”, le parole sospette di Alessandro Impagnatiello prima dell’arresto

Screenshot 2023 08 18 alle 11.33.01

La puntura del calabrone

Quella che sembrava una giornata normale e tranquilla per Gilberto Trambaiollo, ex assessore di Spilimbergo, ha preso una piega tragica a causa di un evento inaspettato. L’anziano si trovava nel salotto della sua abitazione quando è stato punto da un calabrone. Questo innocuo insetto, dalla piccola statura ma dalla potenza letale, ha scatenato una reazione che avrebbe portato alla sua morte. I sintomi dell’anafilassi, una reazione allergica grave, si sono manifestati rapidamente dopo la puntura. Trambaiollo ha subito un improvviso malessere, che lo ha spinto a cercare aiuto chiamando suo figlio al telefono cellulare. Il figlio si trovava in quel momento a Udine, ma si è reso immediatamente disponibile per intervenire.

Leggi anche: Giulia Tramontano, parla la madre a “Chi l’ha visto”: cos’ha fatto prima di morire

Leggi anche: Giulia Tramontano, trovato il corpo: la terribile scoperta dopo l’arresto del fidanzato

Screenshot 2023 08 18 alle 11.36.26

Morto Gilberto Trambaiollo

La telefonata al figlio è stato l’ultimo atto di Gilberto Trambaiollo. “Mi ha punto qualcosa, ma adesso mi passa”, sono state le parole che ha condiviso con il figlio, cercando di minimizzare l’accaduto. Tuttavia, nonostante la sua volontà di sminuire l’incidente, la reazione allergica aveva già preso il sopravvento. Poco dopo la telefonata, mentre era ancora al telefono con suo figlio, Gilberto Trambaiollo si è accasciato sul divano. La sua condizione si è rapidamente deteriorata, lasciando poco spazio per qualsiasi intervento. Quando il personale medico è finalmente riuscito ad accedere al salotto, il paziente era già deceduto. La sua vita è stata spezzata da una catena di eventi inesorabile, innescata da un incontro apparentemente insignificante con un insetto. Le indagini condotte dai carabinieri hanno escluso qualsiasi responsabilità di terzi. La causa della morte è stata chiaramente identificata come uno shock anafilattico, causato dalla puntura del calabrone.