x

x

Vai al contenuto

Pensioni di Aprile 2024, cosa c’è da sapere

Pensioni di Aprile 2024, cosa c’è da sapere

Varie. Pensioni di aprile 2024, scopriamo tutto quello che serve sapere in vista del cedolino del prossimo mese. Vediamo insieme le spiegazioni e le novità dell’Inps sulle pensioni di aprile. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Edoardo Galli, dov’era: il padre rompe il silenzio dopo il ritrovamento

Leggi anche: Kate Middleton e ‘la maledizione di Pasqua’: l’assurda coincidenza

pensioni di aprile 2024

Pensioni di aprile 2024, tutto quello che c’è da sapere

Pensioni di aprile 2024 – I pensionati possono già prepararsi per l’arrivo dei pagamenti delle pensioni di aprile, sebbene con un leggero ritardo. Gli assegni verranno accreditati sul conto corrente martedì 2 aprile 2024, considerando che l’1 aprile è festivo, essendo Pasquetta. Tuttavia, i pensionati possono già consultare il cedolino della pensione attraverso il servizio online. Questo documento permette loro di verificare l’importo erogato mensilmente dall’Inps e di comprendere le eventuali variazioni. Vediamo quindi nel dettaglio tutto ciò che è necessario sapere in merito. (Continua a leggere dopo la foto)

Le spiegazioni dell’Inps

Pensioni di aprile 2024 – L’Inps ha comunicato che alla fine del 2023 è stato effettuato un ricalcolo delle ritenute fiscali applicate durante l’anno (Irpef e addizionali regionali e comunali a saldo), basato sul totale delle sole pensioni erogate. Se nel corso del 2023 le ritenute fiscali applicate mensilmente sulle pensioni risultavano inferiori rispetto a quanto dovuto annualmente, l’Inps ha proceduto al recupero delle differenze a debito trattenendo tali importi dalle rate di pensione di gennaio e febbraio 2024, fino al completo recupero delle somme dovute. Nel caso in cui le trattenute sulle rate di pensione di gennaio e febbraio 2024 non siano state sufficienti per recuperare interamente il debito, l’Inps continuerà a effettuare trattenute sulle rate successive fino a quando il debito non sarà estinto. Tuttavia, per i pensionati con un importo annuo totale delle pensioni fino a 18.000 euro, che hanno ricevuto un conguaglio fiscale a debito superiore a 100 euro, la rateizzazione del recupero viene estesa fino alla mensilità di novembre. (Continua a leggere dopo la foto)

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva