Vai al contenuto

Mourinho: “E’ mancato solo il gol, la Juve è un muro”

Mourinho: “E’ mancato solo il gol, la Juve è un muro”

José Mourinho è soddisfatto della prestazione della Roma nonostante la sconfitta di misura contro la Juventus di Allegri. Le parole del portoghese.

La stima fra i due allenatori

José Mourinho non ha mai nascosto la propria stima nei confronti di Allegri. Già nella conferenza stampa prima della sfida aveva parlato di allenatore risultatista come complimento. I due si somigliano molto nella preparazione delle gare e nel gioco espresso, spesso criticato per mancanza di spettacolarità. Eppure la Juventus sta sorprendendo tutti e lottando alla pari con un Inter più forte sulla carta, mentre la Roma è in ballo per un posto in Champions League nonostante le mille difficoltà. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Inzaghi: “Ingenui sul gol, il Genoa è in condizione”

Leggi anche: Un gol di Pulisic rianima il Milan: Sassuolo battuto 1-0

Mourinho abbraccia Pellegrini
Mourinho abbraccia Pellegrini dopo la vittoria della sua Roma contro l’Udinese in Serie A (Getty Images)

L’analisi di Mourinho

Mourinho ha comunque fatto i complimenti ai propri giocatori al termine della sfida persa con la Juventus. “Abbiamo creato più di quello che ci si aspetta contro il muro di Torino. Si difendono con un muro compatto e difficile. Sullo 0-0 siamo stati la squadra con più qualità di gioco nel primo tempo. Abbiamo preso il palo, abbiamo creato tanti problemi a loro con la posizione di Paulo e Bove. Però è mancato il gol, contro la Juve se ti difendi con il blocco basso anche loro hanno difficoltà. All’inizio del secondo tempo prendiamo gol di rimpallo, poi diventa difficile. Loro si abbassano, diventano un muro con giocatori forti“. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Gianluca Mancini
Gianluca Mancini in campo durante la sfida tra la Roma e il Sassuolo (Getty Images)

Un segnale alla squadra

Mourinho ha dichiarato di aver visto personalità nei propri giocatori, parole che non sono passate inosservate a chi segue i giallorossi. Il tecnico aveva fatto una sfuriata in Europa League dopo il Servette accusando alcuni calciatori di non dare il massimo in campo e di non avere il carattere per affrontare certe partite europee. L’obiettivo era dare una scossa al gruppo, che evidentemente ha recepito il messaggio e si è messo al lavoro. I complimenti ai propri giocatori pur dopo la sconfitta contro la Juventus vanno dunque letti come un tentativo di incoraggiare la Roma ad alzare l’asticella.

Leggi anche: Allegri: “Siamo in forma, presto vedrete anche Ngoge”

Argomenti