Vai al contenuto

È morto Pietro, il famoso italiano è stato investito da un tram

È morto Pietro, il famoso italiano è stato investito da un tram

Una tragedia si è consumata la sera del 3 febbraio. Pietro, famoso chef italiano che da oltre 20 anni si era trasferito in Svezia, è stato investito da un tram. Aveva 60 anni e in Scandinavia aveva fatto conoscere ed innamorare dei suoi piatti i clienti del suo ristorante. A darne la notizia la famiglia che sconvolta ha scritto un post sul profilo Instagram del locale.

Leggi anche: Chiara muore in un incidente a 25 anni: cos’è successo

Leggi anche: Donna anziana e un giovane ritrovati morti nei boschi, poi il terribile sospetto

morto pietro

È morto Pietro Fiorinelli

E’ tragicamente morto sabato notte in un incidente Pietro Fioriniello, celebre cuoco della Tv svedese noto per il suo lavoro ai fornelli per il programma ‘Fosta dejeten’, trasmesso dalla Tv di servizio pubblico svedese Svt. Lo chef, che aveva 60 anni, è stato investito da un tram la sera del 3 febbraio a Goteborg dove viveva e gestiva un ristorante italiano da oltre 20 anni. Lo chef, originario di Napoli, era riuscito a far innamorare della cucina italiana i clienti di tutto il mondo.

“Una volta chef, sempre chef! È con grande tristezza che annunciamo la tragica scomparsa del cuoco, padre, marito, nonno, napoletano e imprenditore Pietro Fioriniello in un incidente avvenuto il 3 febbraio 2024. Lascia una tristezza inimmaginabile nella sua grande famiglia. Non ci sono parole. Ma come diceva lui ‘la vita è bella, ciao!” ha scritto la famiglia sull’account Instagram del suo ristorante. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Re Carlo, che malattia ha: cosa sappiamo del cancro

In Svezia per amore

Pietro si era trasferito in Svezia per amore. In Italia aveva conosciuto una ragazza svedese: un vero colpo di fulmine, aveva raccontato in un’intervista al Gambero Rosso. Così decise di trasferirsi da lei a Göteborg dove nel ’90 aprì un piccolo ristorante, molto curato, per traghettare un’idea di cucina tricolore totalmente diversa da quella allora presente sul mercato. Alla base un’ottima materia prima, una carta di vini italiana molto profonda e un servizio molto caloroso.

In tanti hanno lasciato messaggi di cordoglio su Instagram e condiviso ricordi delle cene al ristorante. Anche Daniel Meyn, collega dal programma Tv, ricorda il cuoco napoletano: “Sono sotto shock. È incredibilmente tragico. Tutti i miei pensieri sono rivolti alla sua famiglia e ai suoi figli. Mi mancherà moltissimo”. Fiorinello ha anche pubblicato diversi libri di cucina in svedese, l’ultimo uscito nel 2018 dedicato al suo ristorante dove preparava piatti di alta cucina.