Vai al contenuto

Mbappé raggiunge i 300 gol in carriera: è record a 24 anni

Mbappé raggiunge i 300 gol in carriera: è record a 24 anni

Kylian Mbappé ottiene un altro record in carriera, nonostante la giovane età. Il francese raggiunge i 300 gol con la tripletta nella gara tra la Francia e Gibilterra.

Tre reti contro Gibilterra

Fascia da capitano al braccio, tripletta e vittoria per 14 a 0 contro Gibilterra. Questa è stata l’ultima gara di Kylian Mbappé con la Nazionale francese, valorizzata anche dalla realizzazione del 300esimo gol in carriera a soli 24 anni. “I 300 gol segnati in carriera sono una nuova pietra miliare per me, ma passa in secondo piano perché oggi la squadra ha fatto una prestazione straordinaria” ha detto il bomber a fine partita davanti ai giornalisti. Sarà sicuramente uno dei protagonisti anche ai Globe Soccer Awards in programma presto a Dubai. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Euro 2024, Italia alla fase a gironi: le possibili avversarie

Leggi anche: Brasile-Argentina 0-1: decide Otamendi, scontri sugli spalti

Infortunio Mbappe
Mbappe lascia il campo per un problema alla caviglia dopo appena 30 minuti nel big match della Ligue 1 tra Psg e Marsiglia (Getty Images)

Il confronto con gli altri campioni

24 anni, 10 mesi e 29 giorni per segnare 300 reti in carriera tra club e Nazionali, molto prima rispetto ad altre stelle del calcio. Cristiano Ronaldo ci riuscì a 27 anni, Messi e Neymar a 25. Un grande bomber come Samuel Eto’o, che ha fatto la fortuna di Barcellona e Inter, segnò il 300esimo gol solo all’età di 32 anni durante la permanenza al Chelsea. All’incirca la stessa età di Zlatan Ibrahimovic e Karim Benzema quando tagliarono il traguardo del triplo centinaio. Il giocatore a cui invece è stato spesso paragonato Mbappé, ovvero Henry, realizzò la 300esima marcatura a 30 anni, un mese e un giorno. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Mbappé punta Calabria sulla fascia
Calabria prova ad arginare Mbappé nell’uno contro uno (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

Leader della Nazionale francese

Non va dimenticato che Mbappé ha già vinto un Mondiale da protagonista con la propria nazionale battendo in finale la Croazia di Modric nel 2018. Inoltre ha disputato un’altra finale contro l’Argentina, sfiorando la doppietta ai calci di rigore. In bacheca c’è anche un Europeo Under 19 e una Nations League nel 2021. Nell’ultima gara contro Gibilterra, indossando la fascia capitano, ha parlato da vero leader quasi svalutando il proprio record personale: “Dobbiamo sottolineare la vittoria collettiva. Ci sono state molte squadre francesi di talento, battere questo record per la vittoria più grande è qualcosa di speciale. Un record di squadra ha molto più valore di un record personale” ha dichiarato al termine della sfida vinta in goleada.

Il futuro ancora al PSG?

Da definire ancora il futuro a livello di club. Se il futuro in Nazionale maggiore è ancora lungo e potrebbe durare almeno un’altra decina di anni, l’avventura al PSG invece potrebbe concludersi a fine stagione. L’accordo con il Real Madrid ancora non c’è, per via delle alte pretese di ingaggio del giocatore (70 milioni di ingaggio a stagione). L’offerta dall’Arabia Saudita rimane sul piatto, ma il giocatore vuole ancora rifletterci prima di dare una svolta drastica alla propria carriera.

Leggi anche: Gasperini in lacrime ricordando la vicenda Ilicic