Vai al contenuto

Inzaghi: “L’anno scorso avremmo perso, grande giocata di Lautaro”

Inzaghi: “L’anno scorso avremmo perso, grande giocata di Lautaro”

Simone Inzaghi vede il bicchiere mezzo pieno e si accontenta del pareggio contro una buona Juventus. Elogi per la squadra e per Lautaro Martinez.

Un punto che non scontenta nessuno

Tutto sommato il pareggio può andare bene all’Inter. I nerazzurri partivano da una situazione di vantaggio in classifica che consentiva di controllare la gara e di avere due risultati utili su tre a disposizione. Inoltre il fattore campo era a sfavore e bisognava limitare i danni per dare una dimostrazione di forza. L’Inter rimane saldamente in vetta con due punti sui bianconeri e la consapevolezza di giocare un campionato su se stessa, forte di una rosa sulla carta superiore a quella di tutte le altre, Juventus compresa. Milan e Napoli rimangono attardate e non sembrano vere rivali sulla strada verso la seconda stella. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: L’Italia ha vinto la seconda Coppa Davis della sua storia

Leggi anche: Bagnaia campione del Mondo di Moto Gp: Martin caduto

Lautaro Martinez e Marcus Thuram
Lautaro Martinez festeggia abbracciato da Marcus Thuram dopo la rete messa a segno (Getty Images)

Inzaghi nel post partita

Ci prendiamo questo pareggio per come è venuto, sappiamo che non è facile segnare alla Juve. Abbiamo segnato un grandissimo gol con un’ottima giocata, ma sul loro dovevamo fare meglio. Abbiamo perso palla e poi non abbiamo chiuso in tempo su Vlahovic. Alla vigilia non avrei firmato per il pari, perché serviva vincere. L’anno scorso in una partita identica avevamo perso: non è semplice, c’è sempre un’avversaria davanti. Abbiamo disputato una partita di padronanza e di palleggio” ha sentenziato Inzaghi a fine partita. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Vlahovic in pressing su De Vrij
Duello tra Stefan De Vrij e Dusan Vlahovic (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

I segnali positivi

Innanzitutto va sottolineato come l’Inter abbia tenuto il campo nella prima mezz’ora quando il pressing bianconero e la spinta dello stadio avrebbero potuto mettere in difficoltà. I ragazzi di Inzaghi hanno inoltre trovato la reazione al gol di Vlahovic dopo pochi minuti, spezzando l’ondata di entusiasmo degli avversari. La difesa si conferma un reparto solido nonostante le assenza di Pavard e Bastoni, mentre Lautaro Martinez ha siglato un altro gol dell’Inter sul campo della Juventus, grazie ad un assist (il sesto stagionale) di Marcus Thuram. Per l’argentino si tratta del 27esimo gol in Serie A nel 2023, un record per l’Inter a partire dal 2000. Solo Diego Milito e Christian Vieri hanno fatto meglio, con 28 gol a testa nello stesso periodo. Lautaro ha ancora tante gare a disposizione per superare le due bandiere interiste e scrivere un’altra pagina di storia dell’Inter.

Il calendario dell’Inter

La prossima gara in programma per l’Inter è la trasferta di Lisbona contro il Benfica. La UEFA ha dato il via libera per i tifosi nerazzurri che dunque potranno regolarmente seguire la propria squadra in Champions League. Inzaghi è già qualificato agli ottavi con due turni di anticipo e potrebbe attuare un ampio turn over. Domenica 3 dicembre va in scena la sfida contro il Napoli al Maradona, un incrocio rischioso sulla carta che potrebbe vanificare quanto di buono fatto allo Juventus Stadium stasera. Seguiranno due gara ancora in casa contro Udinese e Real Sociedad (probabile che in palio ci sarà il primato nel girone), prima di affrontare la trasferta a Roma contro la Lazio e il match di Coppa Italia contro il Bologna prima di Natale.

Leggi anche: Roma-Udinese 3-1: tre punti e vista Champions per Mou

Argomenti