Vai al contenuto

Giovanna trovata senza vita in un fiume: cosa le è successo

Giovanna trovata senza vita in un fiume: cosa le è successo

Una triste vicenda sconvolge l’intero paese: Giovanna Pedretti, di 59 anni, è stata trovata senza vita ieri pomeriggio nel fiume Lambro a Sant’Angelo Lodigiano. La donna aveva ferite sui polsi. La procura di Lodi ha aperto un’inchiesta, per il momento ancora senza ipotesi di reato. Nel frattempo è stata anche disposta l’autopsia sul corpo della donna. (Continua…)

Leggi anche: Tragico incidente, auto sfonda la recinzione e finisce nel giardino di un locale

Leggi anche: Tragico incidente ferroviario in Italia: travolta in pieno dal treno

giovanna pedretti 768x1024

Trovata morta la titolare della pizzeria divenuta famosa per la recensione a difesa di disabili e gay

Giovanna Pedretti, titolare della pizzeria “Le Vignole”, divenuta famosa in seguito ad una recensione a difesa di disabili e gay, è stata trovata morta nel fiume con ferite ai polsi. La donna, di 59 anni, risultava irreperibile. I parenti si sono allarmati ed hanno chiesto aiuto alla polizia. Ieri pomeriggio il suo corpo è stato rinvenuto nel fiume Lambro a Sant’Angelo Lodigiano. La procura di Lodi ha aperto un’inchiesta per ora senza ipotesi di reato e sul corpo della donna è stata disposta l’autopsia. (Continua…)

Leggi anche: Tragico incidente in autostrada: morti e feriti

Leggi anche: Trovano una valigia nascosta mentre ristrutturano casa e fanno una scoperta agghiacciante

pedretti 768x1024

Chi era

Giovanna Pedretti, come abbiamo detto, era la titolare della pizzeria “Le Vignole”. Il locale era conosciuto per le sue iniziative sociali, come la “pizza sospesa” per i meno fortunati. Era inoltre un punto di riferimento per l’intera comunità. Di recente, la Pedretti era finita al centro delle polemiche in seguito ad una recensione apparsa sulla pagina Tripadvisor della sua pizzeria. La recensione esprimeva disappunto per essere stati seduti vicino a persone omosessuali e disabili. La Pedretti aveva risposto su Instagram e le sue parole sono state elogiate addirittura dalla ministra per le disabilità Alessandra Locatelli. Allo stesso tempo, però, la Pedretti aveva ricevuto insulti e minacce sui social, che potrebbero averla spinta a commettere un atto estremo. (Continua…)

simbolo lutto

Le indagini

La procura di Lodi ha aperto un’inchiesta, per ora senza ipotesi di reato, ed è stata disposta l’autopsia sul corpo di Giovanna Pedretti. La donna potrebbe essere stata una vittima della gogna mediatica, alla quale si lega il dolore interiore, amplificato dalla triste ricorrenza del suicidio del fratello, avvenuto 13 anni fa. Giovanna non ha lasciato alcuna lettera di addio.