x

x

Vai al contenuto

Filippo Turetta, interviene la mamma di Pamela Mastropietro

Filippo Turetta, interviene la mamma di Pamela Mastropietro

L’omocidio della 22enne Giulia Cecchettin ha sconvolto l’Italia intera. Il presunto assassino è stato fermato in Germania e una volta tornato nel Nostro Paese la giustizia italiana farà il suo corso. Nel frattempo, su questo terribile caso di cronaca nera sono intervenute diverse persone più o meno note. A parlare ora è stata Alessandra Verni, la mamma di Pamela Mastropietro, la 18enne romana che fu violentata, uccisa, fatta a pezzi e i suoi resti ritrovati in due trolley a Pollenza (Macerata) nel gennaio del 2018. Vediamo nel dettaglio le parole di una delle tante mamme di ragazze vittime di violenza. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Giulia Cecchettin, retroscena choc su Filippo Turetta: le parole della sorella di lei

Leggi anche: Filippo Turetta, il padre parla in tv: la durissima reazione di Elena

Leggi anche: Filippo Turetta, Myrta Merlino critica i genitori del ragazzo

Leggi anche: Filippo Turetta, la notizia dal carcere: cosa ha deciso di fare

Filippo Turetta, interviene la mamma di Pamela Mastropietro

“Giustizia per Giulia Cecchettin”, è questa la richiesta di Alessandra Verni, la mamma di Pamela Mastropietro, la 18enne romana che fu violentata, uccisa, fatta a pezzi e i suoi resti ritrovati in due trolley a Pollenza (Macerata) nel gennaio del 2018, rivolgendo una “preghiera” per la Cecchettin, la studentessa scomparsa e ritrovata cadavere sabato scorso, “per la famiglia di Giulia e anche per i genitori del suo assassino”. La mamma di Pamela, di fronte a questo ennesimo femminicidio, si dice “demoralizzata” perché troppo spesso la giustizia non fa il suo corso. E non a caso, proprio in questi giorni, in un video messaggio insieme ad altre mamme e una sorella di vittime di omicidi brutali ha lanciato un appello per la certezza della pena e per lo stop a permessi e benefici: “Servono pene più dure e severe, chiediamo una giustizia vera e che i carnefici non vengano rimessi in libertà dopo qualche anno. Chi commette un omicidio deve pagare, deve sapere che se si toglie la vita a qualcuno allora, visto che da noi la pena di morte in esiste, si deve scontare la vita in carcere. Serve il carcere a vita”.

Poi sul presunto assassino di Giulia, Filippo Turetta, il procuratore di Venezia, Bruno Cherchi, a margine di un evento all’Università di Padova, ha dichiarato: “Ha diritto come tutti gli indagati di essere trattato in maniera serena, obiettiva, da parte non solamente della procura, che garantisce i diritti di tutti quanti in questa fase, ma anche da parte dell’opinione pubblica che deve frenare un momento questa partecipazione emotiva, che può creare e che sta creando, difficoltà non alle indagini ma alle persone coinvolte, ai genitori dell’indagato”. (Continua a leggere dopo la foto)

Il caso della ragazza di Macerata

L’omicidio di Pamela Mastropietro si è consumato il 30 gennaio 2018 in provincia di Macerata. Dall’autopsia sono emersi dettagli raccapriccianti: il corpo di Pamela è stato lavato con la varechina, per cancellare ogni traccia, e fatto a pezzi “in modo scientifico”, come ha scritto il medico legale Mariano Cingolani. Il colpevole ha deciso di sbarazzarsene chiudendo i resti di Pamela in due trolley e, la sera del 30 gennaio, si è fatto accompagnare da un amico tassista alla periferia di Pollenza, dove ha abbandonato le valigie. Unico accusato per lo stupro e l’assassinio della ragazza è un pusher nigeriano che si dichiara innocente e ha ammesso solo di aver fatto a pezzi il cadavere. Nel febbraio 2019 è iniziato il processo a suo carico. Il 29 maggio la condanna all’ergastolo. Il 16 ottobre 2020 anche la Corte d’Assise d’appello di Ancona ha confermato la condanna.