Vai al contenuto

Febbre Bologna: i numeri da record della squadra di Motta

Febbre Bologna: i numeri da record della squadra di Motta

Il Bologna nell’ultima settimana ha dimostrato di essere all’altezza della lotta Champions League anche contro squadre più quotate. Tutti i numeri del gruppo di Thiago Motta.

Una settimana di fuoco

Dal 17 al 23 dicembre il Bologna ha superato ogni aspettativa. I segnali positivi delle giornate precedenti sono stati la base per il salto di qualità Prima i rossoblu hanno sconfitto l’Atalanta, poi hanno superato l’Inter agli ottavi di Coppa Italia e infine hanno vinto lo scontro diretto per la Champions League contro la Roma. Motta ha vinto la sfida con il proprio maestro Mourinho, dando una lezione di tattica a tutta la Serie A.(CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Milan, Pioli confermato: decisive le telefonate tra dirigenza e calciatori

Leggi anche: L’ascesa di Yann Bisseck: si è preso l’Inter in un mese

Lykogiannis festeggia in campo
Lykogiannis corre verso i compagni rossoblu dopo il gol (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Un 2023 di qualità

Il Bologna nel 2023 ha realizzato 66 punti, come l’Atalanta e più della Roma (64). Il Milan, ad esempio, ha fatto solo 7 punti in più dei rossoblu. Il dato più interessante però riguarda i risultati utili, ovvero 32 su 41 giornate, con sole 9 sconfitte così come la Juventus. Solo l’Inter, capolista in questa stagione, ha perso meno volte in Serie A nel 2023. Le 39 le reti subite posizionano il Bologna al quinto posto tra le migliori difese del campionato nell’anno solare, con una media inferiore ad 1 gol subito a gara. Per fare un altro confronto, Juventus e Napoli hanno subito 37 reti. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Zirkzee
Zirkzee in contrasto con Ferrari nel corso del derby emiliano tra Sassuolo e Bologna (Getty Images)

Riflessioni in società

Thiago Motta ha chiesto espressamente che il mercato non modifichi la rosa. Veto deciso su Zirkzee, che interessa a Manchester United e Bayern Monaco, e a Ferguson (Milan e Juventus osservano): Il mister è convinto che se a gennaio dovessero rimanere tutti gli attuali giocatori, il Bologna potrebbe puntare all’Europa League e nella migliore delle ipotesi alla qualificazione in Champions League.

Leggi anche: Milan, arriva Popovic: beffato il Manchester City

Argomenti