x

x

Vai al contenuto

Cultura italiana in lutto, addio per sempre ad uno dei più grandi

Cultura italiana in lutto, addio per sempre ad uno dei più grandi

È morto a Roma all’età di 51 anni uno degli uomini che hanno fatto la storia della televisione: sceneggiatore, autore di romanzi, documentarista, per oltre trent’anni nella fiction televisiva e su questo passaggio ha anche scritto un romanzo. A darne la notizia è stata la famiglia, come riporta l’Ansa che ne ricorda le tante opere e soprattutto la capacità dello scrittore e documentarista di tradurre “la commedia all’italiana nella fiction televisiva”

Leggi anche: Italia in lutto, se ne va un grande della musica

Leggi anche:  Tragico lutto nella musica italiana, il cantante trovato morto a soli 27 anni

Addio per sempre ad uno dei più grandi

Se n’è andato nella sua città natale, Roma, Marco Tiberi. Allievo di Furio Scarpelli, durante la sua carriera aveva toccato varie arti, dedicandosi alla scrittura e al Cinema e talvolta unendoli, come nel libro “L’ultima morte di Peppe Bortone” in cui racconta la storia di un uomo che lavorava nel Cinema durante l’epoca d’oro del genere, ma che negli 80 vive una crisi. Al cinema è dedicato anche ‘Il figlio di Brancaleone’, scritto con Giacomo Scarpelli, ideale terzo capitolo dell’epopea avviata da Mario Monicelli.

Con Emanuela Fanelli ha pubblicato un libro di conversazioni sulla comicità e il suo pubblico, ‘Potevo intitolarlo “Voce di donna” ma non sto ancora a questi livelli‘, e con Giuseppe Civati ‘Fine’, un romanzo distopico sulla Terra del futuro prossimo. Nel 2022 ha raccontato la deriva della sinistra italiana nel libro “Il sequestro“. Controstoria del Partito democratico”. Come sceneggiatore, invece, ha firmato i film “I mostri oggi” per la regia di Enrico Oldoini, “Christine Cristina” con la regia di Stefania Sandrelli e “Uomo di fumo” con la regia di Giovanni Soldati. (continua dopo la foto)

Leggi anche: “È dannoso, soprattutto per le donne”: Viola avverte gli italiani, poi la replica di Bassetti

Il ricordo

Tra i primi a ricordarlo c’è anche Possibileit, partito fondato da Filippo Civati, che era anche il suo editore e che in un tweet scrive: “Caro Marco, ci vorrebbe un colpo da maestro, alla Tiberi, l’abbiamo sempre chiamato così: un’idea per scrivere una storia completamente diversa. Perché, Marco, non amavi il lieto fine ma così no, non si può nemmeno pensare”. (continua dopo il post)

I funerali di Marco Tiberi si svolgeranno lunedì 25 marzo alle 14,30 nel Cimitero acattolico della Piramide, in via Caio Cestio 6 a Roma, mentre nella mattinata, alle ore 11, si terrà un ricordo alla Casa del Cinema a Villa Borghese.