x

x

Vai al contenuto

Superenalotto, clochard gioca sempre gli stessi numeri e vince 37mila euro, poi la beffa

Superenalotto, clochard gioca sempre gli stessi numeri e vince 37mila euro, poi la beffa

La curiosa vicenda è accaduta in Italia lo scorso martedì, 24 ottobre 2023. Un clochard ha avuto la fortuna di vincere la somma di 37mila euro al Superenalotto. Purtroppo però, l’uomo sta affrontando un problema dovuto al suo stato: potrà riscuotere la somma vinta? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Papà di due figli lascia il posto fisso per fare il fornaio: poi accade l’impensabile

Leggi anche: Pesto ritirato dal Ministero della Salute: tutti i dettagli

Senigallia, clochard vince al Superenalotto ma non può ritirare i soldi

L’uomo in questione si chiama Gianluigi e per molto tempo ha giocato gli stessi numeri al Superenalotto, fino a martedì scorso quando la sua scelta si è rivelata finalmente azzeccata. Gianluigi ha puntato 1,50 euro e ha centrato i numeri e il superstar. La vincita è di 37mila euro che, al netto delle tasse, dovrebbe aggirarsi intorno ai 30mila euro. Una somma che potrebbe cambiargli la vita, se non fosse per alcune complicazione che potrebbero ostacolarlo. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Cambio ora, ecco quando succede e le conseguenze

Leggi anche: Terremoto in Italia poco fa: violenta scossa di magnitudo 4.5

Chi è Gianluigi

Gianluigi viene chiamato “Cassano”, visto lo spiccato accento del sud. “Sono contento siano andati a lui. Noi in centro lo chiamiamo “Cassano” e lui ci ride su”, ha commentato il tabaccaio. L’uomo si ritrova a vagabondare per la città da diversi anni. Con la sua famiglia d’origine non ci sono contatti, non ne vuole parlare. “Non ho più bisogno di nessuno, questi soldi me li gestirò da solo. Voglio continuare a rimanere invisibile”, ha detto il vincitore. (Continua dopo le foto)

I problemi con la vincita

Adesso, il problema è che non riesce a ritirare la somma vinta. “Per ritirarli serve la tessera sanitaria ma non ce l’ho. Ho solo un vecchio codice fiscale che non va bene, serve quello che c’è nella tessera sanitaria”. Il tabaccaio ha confermato le parole di Gianluigi. “Serve il codice fiscale oltre a un documento”. L’intera comunità si sta mobilitando per aiutare Gianluigi, nella speranza che il simpatico clochard possa ricominciare a vivere, racconta Il Messaggero.