Vai al contenuto

Antonella Clerici, la triste rivelazione sulla figlia Maelle

Antonella Clerici, la triste rivelazione sulla figlia Maelle

Antonella Clerici è una delle conduttrici più amate della tv italiana. Il pubblico la adora e ogni programma che conduce tocca picchi altissimi di share. Reduce dal grande successo di The Voice Kids, ogni mattina la troviamo su Rai1 con È sempre mezzogiorno, format che vede in studio tanti ospiti cimentarsi in cucine tipiche delle loro terre raccontandone tutti i segreti ed i dettagli, aggiungendo anche esperienze personali. Antonella, ospite Mamma dilettante 2, podcast condotto da Diletta Leotta, si è raccontata senza filtri e parlando di sua figlia Maelle ha fatto una rivelazione shock.

Leggi anche: Marco Liorni, arriva la decisione della Rai: svolta improvvisa su “L’Eredità”

Leggi anche: Milly Carlucci ha scelto i tre giudici del nuovo programma: chi sono

La triste rivelazione di Antonella Clerici sulla figlia Maelle

Antonella Clerici si è aperta ai microfoni di Mamma Dilettante 2, il podcast condotto da Diletta Leotta che approfondisce il tema del rapporto genitori-figli. La conduttrice, mamma di Maelle, l’orami 14enne, avuta dall’ex compagno Eddy Martens, ha parlato delle gioie della maternità, ma anche delle difficoltà che si incontrano lungo il percorso, soprattutto quando i figli iniziano a entrare nella fase adolescenziale. Avere un genitore famoso non è sempre un bene e per questo motivo, da quando la ragazza ha iniziato le scuole medie, i compagni le hanno fatto pesare la situazione. Dunque, Antonella crede che la figlia sia stata vittima di bullismo. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Flavio Insinna, arriva la conferma dell’addio a “L’Eredità”: il saluto commosso del conduttore

Antonella clerici

Mia figlia vittima di bullismo

Quando ha iniziato le scuole medie, io credo che mia figlia sia stata vittima di bullismo. Proprio perché era mia figlia qualcuno glielo faceva pesare additandola come “figlia di”. Qualcuno le ha detto “Tu parli, ma sei la figlia di”. Lei all’inizio ha incassato, perché ho visto che un po’ ci ha sofferto. Ma poi è riuscita a ribaltare la situazione. Alla fine della terza media ho visto che chi prima la denigrava poi era dalla sua parte. Maelle è stata brava e intelligente a gestire quella situazione“. In tutta questa situazione Antonella non è entrata ha lasciato che la figlia se la cavasse da sola per non peggiorare ulteriormente le cose.

In conclusione Antonella ha precisato l’importanza di dire “no”. “Bisogna educare i nostri figli ai “No”. Noi proteggiamo troppo i nostri figli. Lo sport insegna che i “no” sono costruttivi e che le sconfitte sono più importanti delle vittorie. Se noi iper-proteggiamo i nostri figli, poi i nostri ragazzi non crescono e al primo “no” di una ragazza reagiscono in maniera sbagliata”, ha detto la conduttrice.